Archivio Depositphotos (immagine illustrativa)
SVIZZERA
23.09.21 - 12:230

«Lo sport va reso più sicuro»

In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali

LOSANNA - Il numero di persone ferite gravemente in incidenti sportivi in Svizzera è aumentato costantemente negli ultimi anni. Con il nuovo Barometro della sicurezza nello sport, l'Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni (upi) presenta una panoramica della situazione e propone misure per migliorare la sicurezza.

Ogni anno in Svizzera si verificano in media circa 420'000 infortuni sportivi, di cui 15'000 gravi. Gli infortuni mortali sono 186, ricorda l'upi in un comunicato. Il numero di lesioni gravi è in aumento a causa dell'incremento della popolazione e del maggior numero di persone che praticano sport.

Il numero di partecipanti, la durata e la frequenza di un'attività influenzano le statistiche degli infortuni. Non sorprende che la metà degli incidenti gravi avvenga nello sci, nel calcio e nell'escursionismo, che sono tra gli sport più praticati in Svizzera, sottolinea un comunicato.

La stragrande maggioranza degli sciatori, degli snowboarder e degli appassionati di mountain bike indossa un casco. E molte persone non bevono alcol prima di giocare a calcio o di nuotare. Ma ci sono altre cose a cui fare attenzione, come regolare gli attacchi degli sci ogni anno, indossare sempre un giubbotto di salvataggio sulle barche o indossare protezioni per i polsi sullo snowboard.

L’upi auspica anche un adeguamento delle disposizioni legali, come ad esempio rendere obbligatorio l'uso del giubbotto di salvataggio per i bambini sotto i tredici anni o introdurre nel piano di studio il Controllo della sicurezza in acqua (CSA). Anche l'osservanza più coerente degli standard di sicurezza per la costruzione di piste e parchi renderebbe lo snowboard, lo slittino e il mountainbiking più sicuri. Le federazioni potrebbero fare la loro parte, ad esempio integrando la prevenzione degli infortuni nelle loro attività, conclude l'upi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
BASILEA
13 ore
Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong
Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo
GRIGIONI
15 ore
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
17 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
19 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
19 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
SVIZZERA
19 ore
La Svizzera è sempre più calda
Temperature superiori ai 25 gradi per 80 giorni sul Ticino meridionale, e tra 40 e 60 giorni sull'Altopiano
SVIZZERA
20 ore
Via libera alla terza dose
L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech
SVIZZERA
21 ore
"Svizzero" per errore, non ha più diritto alla nazionalità
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un giovane che a torto e a lungo è stato considerato cittadino elvetico.
SVIZZERA
22 ore
Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici
All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile