20minuten
ZURIGO
21.09.21 - 21:000
Aggiornamento : 22.09.21 - 09:15

Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale

Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.

L'idea divide: per i sindacati è fuori discussione, mentre le associazioni imprenditoriali chiedono ancora più libertà.

Fonte 20Minuten/Pascal Michel
elaborata da Davide Milo
Giornalista

ZURIGO - La proposta è di quelle che faranno discutere: 63 ore di lavoro a settimana e in piena legalità. Questo è ciò che il ministro dell'Economia Guy Parmelin vuole rendere possibile a consulenti fiscali, specialisti della comunicazione, consulenti di direzione e revisori dei conti. Konrad Graber, in carica presso il Consiglio degli Stati fino al 2019, ha posto la questione all'ordine del giorno. Ma nei suoi intenti avrebbe voluto eliminare i limiti esistenti sull'orario massimo lavorativo per tutti i quadri.

La sua argomentazione principale: l'attuale regolamento sull'orario di lavoro risale ancora ai tempi dell'industrializzazione. Google, proprio per questo, ha trasferito posti di lavoro dalla Svizzera a Londra.

Ma ora sta emergendo una soluzione: la settimana di 63 ore dovrebbe essere possibile, ma solo per professioni selezionate. La domenica si potrebbe lavorare solo sei volte l'anno, e una giornata lavorativa può durare al massimo 15 ore. La Seco ha introdotto queste idee dopo che le parti sociali hanno discusso le possibili varianti in una tavola rotonda tenutasi nel gennaio 2021.

Questa proposta ha registrato reazioni contrastanti. Secondo i sindacati si spingerebbe un po' troppo oltre, mentre le associazioni imprenditoriali ritengono che sia ancora limitante.

Secondo l'Unione sindacale svizzera (USS), il «regime dell'orario di lavoro sarà così ulteriormente deregolamentato per risparmiare personale». «Porterebbe a più malattie, più burnout, più costi per il pubblico in generale e dipendenti meno soddisfatti».

150.000 dipendenti interessati - Daniel Lampart dell'USS spiega come, fino a ora, le forze sindacali siano state in grado di respingere proposte così impattanti sul diritto del lavoro. Ora si tratta di definire le eccezioni nel modo più restrittivo possibile. Secondo l'USS, il regolamento proposto interesserebbe 150.000 dipendenti che lavorano 15 ore al giorno e diverse domeniche.

Lampart chiede quindi che siano previste eccezioni solo per i consulenti fiscali ei revisori dei conti. E anche lì, in realtà, nutre preoccupazioni: «Rimane problematico che delle aziende lascino semplicemente lavorare più a lungo i propri dipendenti, invece di creare nuovi posti di lavoro e formare nuovi lavoratori», sottolinea. «I revisori dei conti stanchi sono anche un rischio per l'intera economia perché sono più inclini agli errori».

Nessuna flessibilità «reale» - Allianz Denkplatz Schweiz aveva elaborato una prima bozza dell'ordinanza insieme ad altre associazioni dei lavoratori. E non sono affatto d'accordo con la soluzione federale. Perché l'urgenza di consentire «un vero orario di lavoro annuale flessibile», così come il lavoro volontario domenicale, è stata intensificata dalla pandemia. 

Dominik Bürgy di Denkplatz Schweiz chiede che gli specialisti d'informatica e telecomunicazioni siano esplicitamente autorizzati a non rispettare la pausa di nove ore ogni giorno e che l'orario di lavoro nei fine settimana possa essere determinato in modo indipendente. Ciò sarebbe particolarmente importante per la compatibilità tra lavoro e famiglia.

Ufficio a casa la domenica, tour in bici durante la settimana - Usando esempi specifici, calcola come un "Product Manager" possa così «lavorare tre ore in una domenica piovosa, mentre può fare un lungo giro in bicicletta con i bambini, in un venerdì pomeriggio soleggiato». «I dipendenti che, per motivi personali o familiari, preferiscono lavorare di domenica piuttosto che nei giorni feriali, dovrebbero poterlo fare senza violare la legge».

Senza queste aggiunte, il modello sarebbe monco, secondo Bürgy. L'esperto non teme che la tutela della salute venga scalfita: «La registrazione dell'orario di lavoro resta obbligatoria. Nell'amministrazione federale c'è già una regolamentazione molto libera con "orario di lavoro basato sulla fiducia", senza controllo. È incomprensibile - conclude - che questo non debba funzionare anche per il settore privato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
55 min
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
58 min
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane donna a Sullens.
SVIZZERA
6 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
6 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
7 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
8 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
9 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
9 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
10 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
11 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile