Immobili
Veicoli
Keystone
BERNA
20.09.21 - 16:030
Aggiornamento : 18:28

Berna mette la museruola ai No-Vax

La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.

La decisione è stata presa a seguito delle violenze verificatesi giovedì scorso davanti a Palazzo federale.

BERNA - La Città di Berna ha annunciato oggi che non tollererà più manifestazioni non autorizzate contro le misure anti Covid. La decisione è stata presa in seguito alle violenze verificatesi giovedì scorso a un raduno degli oppositori alle misure davanti a Palazzo federale.

 

La polizia cantonale bernese ha ricevuto l'ordine di non permettere le manifestazioni annunciate per giovedì, ha comunicato oggi il Consiglio municipale. Queste non sono infatti state autorizzate.

Gli oppositori alle misure per contrastare il coronavirus hanno lanciato l'appello a queste nuove manifestazioni sulle reti sociali. Circolano anche appelli ad una contro-manifestazione.

Oggi il Consiglio municipale di Berna ha chiesto agli organizzatori delle manifestazioni di ritirare i loro appelli. Pur riconoscendo il bisogno crescente di esprimersi su questioni politiche e sociali tramite manifestazioni, in particolare nella città federale, le autorità devono essere consultate per un'eventuale autorizzazione. Questo è l'unico modo in cui il diritto alla libertà d'espressione può essere esercitato in maniera pacifica, viene puntualizzato nella nota.

La Città di Berna aperta alla discussione - Nel suo comunicato, il municipio reitera la sua disponibilità al dialogo. Non è quindi escluso che la manifestazione di giovedì venga quindi autorizzata. Il direttore della sicurezza Reto Nause ha precisato a Keystone-ATS di aver organizzato un incontro con gli oppositori alle misure sanitarie.

«La domanda è sapere se possiamo giungere a un accordo», ha sottolineato Nause. Per quest'ultimo bisogna avere una discussione chiara e concreta. Bisogna in particolare sapere se si tratta di un raduno statico oppure di un corteo, in questo secondo caso è necessario conoscere l'itinerario, ha aggiunto.

Giovedì scorso, una manifestazione non autorizzata contro le misure anti Covid ha riunito tra le 3'000 e le 4'000 persone a Berna. Per proteggere Palazzo federale dai disordini, la polizia ha dovuto utilizzare un cannone ad acqua e far uso di proiettili di gomma e gas irritanti. Alcuni presenti hanno reagito lanciando oggetti in direzione di Palazzo federale e sparando petardi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Altri milioni per proteggere il bestiame dal lupo
La Confederazione mette a disposizione fondi supplementari a sostegno dell'economia alpestre tradizionale
SVIZZERA
1 ora
L'imposta sulla benzina non si tocca (per ora)
Il Governo ritiene che al momento non sia necessario adottare provvedimenti. Ma la situazione è sotto osservazione
SVIZZERA
2 ore
Stati Uniti impressionati dalle sanzioni svizzere
La dedizione delle autorità svizzere nell’applicare le sanzioni contro fondi russi ha riscosso l'ammirazione americana.
SVIZZERA
3 ore
«La comunità politica Ue è un'opzione per la Svizzera»
Il presidente del Centro Gerhard Pfister invita il Consiglio federale a valutare la proposta di Emmanuel Macron
FRANCIA / SVIZZERA
12 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
17 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
21 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
22 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
1 gior
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
1 gior
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile