Keystone
SVIZZERA
19.09.21 - 09:530
Aggiornamento : 12:22

40% di crisi cardiache in meno negli ospedali durante la pandemia: ma non è una buona notizia

Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown. Una situazione che rischia di ripetersi

BERNA - Nel 2020 gli ospedali svizzeri hanno registrato un calo del 40% delle crisi cardiache. Ma non si tratta di una buona notizia: numerose persone hanno infatti preferito non sottoporsi alle visite mediche per paura del virus, o addirittura non si sono presentate in pronto soccorso nonostante i sintomi di un attacco di cuore. Questi dati si sommano poi a quelli delle persone che a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia non hanno potuto sottoporsi alle consuete visite di controllo di routine o a quelle relative agli esami diagnostici. 

I numeri sono stati forniti da un rapporto di Helsana. Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown, in cui gli ospedali svizzeri hanno registrato un calo del 50% di crisi cardiache. Ma ciò significa che molto probabilmente molti cardiopatici sono morti a casa loro. 

Una situazione che rischia di ripetersi anche quest'anno, soprattutto in Svizzera tedesca, dove le terapie intensive di diversi ospedali risultano già piene, e i nosocomi si vedono costretti a posticipare alcuni interventi o a trasferire i pazienti. 

«Sono molti i pazienti che non possono essere trattati come dovrebbero. Spesso anche la diagnostica subisce un freno» ha dichiarato a La Domenica il dottor Roberto Tartini, cardiologo all'Hirslanden di Zurigo, ricordando anche la mancanza di personale. 

«Per ora i pazienti acuti riusciamo ad assisterli, mentre gli interventi elettivi, quelli non urgenti, come ad esempio la sostituzione di una valvola cardiaca, potrebbero venir posticipati» ha aggiunto il professor Christophe Wyss, cardiologo della clinica Hirslanden. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
47 min
Pacchetti nel mirino dei ladri
I malviventi sono entrati in azione oggi in un quartiere di Opfikon
SVIZZERA
47 min
Si torna sotto i 10mila contagi
I pazienti Covid occupano ora il 26,9% dei posti letto di terapia intensiva.
SVIZZERA
56 min
«È da presuntuosi credere di poter fermare la variante»
A tu per tu con Patrick Mathys dell'UFSP su Omicron in Svizzera e le misure introdotte dalla Confederazione
SVIZZERA
2 ore
«I test siano di nuovo gratuiti»
La maggioranza del Nazionale sostiene questa proposta: «È un modo per tenere sotto controllo la pandemia».
SVIZZERA
4 ore
Nuovi approcci per combattere il coronavirus
I ricercatori svizzeri sono al lavoro su nuove piste. Si va da uno spray nasale a un vaccino da somministrare oralmente.
SVIZZERA
4 ore
«La Svizzera giri al largo dal Consiglio di sicurezza dell’ONU»
Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale
SVIZZERA
5 ore
La delusione dei vaccinati
Le misure anti-Covid proposte da Berna toccano tutti. Secondo i politici, questo inciderà sul morale dei cittadini
SVIZZERA
5 ore
Omicron: anche i vaccinati devono fare la quarantena
Il motivo? «Una misura precauzionale finché non ne sappiamo di più», spiegano dall'Ufficio federale di Sanità Pubblica
SVIZZERA
6 ore
400 km in sella a favore dei malati di Parkinson
I responsabili del progetto "Temperature in sella" hanno donato 10'000 franchi all'Associazione Parkinson Svizzera
SVIZZERA
18 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile