Keystone
SVIZZERA
19.09.21 - 09:530
Aggiornamento : 12:22

40% di crisi cardiache in meno negli ospedali durante la pandemia: ma non è una buona notizia

Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown. Una situazione che rischia di ripetersi

BERNA - Nel 2020 gli ospedali svizzeri hanno registrato un calo del 40% delle crisi cardiache. Ma non si tratta di una buona notizia: numerose persone hanno infatti preferito non sottoporsi alle visite mediche per paura del virus, o addirittura non si sono presentate in pronto soccorso nonostante i sintomi di un attacco di cuore. Questi dati si sommano poi a quelli delle persone che a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia non hanno potuto sottoporsi alle consuete visite di controllo di routine o a quelle relative agli esami diagnostici. 

I numeri sono stati forniti da un rapporto di Helsana. Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown, in cui gli ospedali svizzeri hanno registrato un calo del 50% di crisi cardiache. Ma ciò significa che molto probabilmente molti cardiopatici sono morti a casa loro. 

Una situazione che rischia di ripetersi anche quest'anno, soprattutto in Svizzera tedesca, dove le terapie intensive di diversi ospedali risultano già piene, e i nosocomi si vedono costretti a posticipare alcuni interventi o a trasferire i pazienti. 

«Sono molti i pazienti che non possono essere trattati come dovrebbero. Spesso anche la diagnostica subisce un freno» ha dichiarato a La Domenica il dottor Roberto Tartini, cardiologo all'Hirslanden di Zurigo, ricordando anche la mancanza di personale. 

«Per ora i pazienti acuti riusciamo ad assisterli, mentre gli interventi elettivi, quelli non urgenti, come ad esempio la sostituzione di una valvola cardiaca, potrebbero venir posticipati» ha aggiunto il professor Christophe Wyss, cardiologo della clinica Hirslanden. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
27 min
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
1 ora
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
4 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
7 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
7 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
9 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
10 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
11 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
12 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile