AFP
SVIZZERA
19.09.21 - 15:150
Aggiornamento : 21:04

I non vaccinati che evitano i preparati a mRNA

La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic

Vaccinazione

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - La notizia è degli scorsi giorni: la Confederazione sta negoziando per l'acquisto di dosi (una piccola quantità) del vaccino vettoriale prodotto da Johnson & Johnson. E sono in molti coloro che non vedono l'ora di poterne fare uso.

La conferma arriva, per esempio da un centro di vaccinazione di Winterthur: «Dallo scorso martedì, siamo stati contattati da diverse persone che volevano sapere se sia già possibile farsi somministrare il preparato Johnson & Johnson» afferma Thomas Kraft, interpellato da 20 Minuten. L'interesse si registra pure nei cantoni San Gallo, Obvaldo e Uri.

Anche l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic - lo scrivono ancora il colleghi d'oltre San Gottardo - ha a che fare con richieste analoghe: «Sono numerosi i cittadini che ci chiamano, poiché interessati al vaccino Johnson & Johnson» dichiara il portavoce Lukas Jaggi.

Non si tratta di cosiddetti no-vax, ma di persone che non si fidano della tecnologia a mRNA. Si tratta della tecnologia su cui si basano gli unici due preparati attualmente disponibili in Svizzera, ossia quelli di Pifzer/BioNTech e Moderna.

«Ci vogliono 100'000 dosi» - Attualmente in Svizzera circa due milioni di persone non sono ancora vaccinate contro il coronavirus. E molti cittadini sono in attesa di preparati che non siano a mRNA. Ecco quindi che per il consigliere nazionale Marcel Dobler (PLR) non bisogna perdere tempo: «La Confederazione deve procurarsi il vaccino Johnson & Johnson, non presto ma subito. E metterlo a disposizione della popolazione» sostiene.

L'obiettivo prioritario, lo ricorda ancora il deputato, è di aumentare il tasso di vaccinazione. Un risultato che si può raggiungere introducendo un vaccino che soddisfi le esigenze di coloro che non si fidano della tecnologia a mRNA. Secondo Dobler, la Confederazione dovrebbe acquistare almeno 100'000 dosi. In questo modo - aggiunge - il tasso di vaccinazione guadagnerebbe dieci punti percentuali.

Vaccino a mRNA

Pfizer/BioNTech e Moderna puntano su una tecnologia nuova, ma studiata da oltre dieci anni. Il mRNA è una sorta di molecola messaggera, che racchiude le istruzioni per fabbricare proteine. Essa trasmette alle cellule dell’organismo l’informazione necessaria per produrre la proteina del virus. Non appena l’organismo la produce, il sistema immunitario la riconosce come estranea producendo così gli anticorpi contro il virus. La risposta immunitaria prepara l’organismo a lottare contro il virus.

Vaccino vettoriale

Il preparato di Johnson & Johnson è un vaccino vettoriale («adenovirus»). Il vaccino riproduce parti della superficie del virus SARS-CoV-2 su un virus innocuo e prepara così il sistema immunitario a difendersi dal coronavirus.

Fonte: UFSP

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
32 min
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
2 ore
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
4 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
7 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
7 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
9 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
10 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
11 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
12 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile