20min/Stefan Lanz
SVIZZERA
17.09.21 - 14:000

Il Consiglio federale rivede la strategia climatica

Entro la fine dell'anno il DATEC dovrà presentare un progetto di legge senza nuove tasse ma con più incentivi

BERNA - Gli obiettivi climatici della Confederazione restano invariati: entro il 2030 la Svizzera dovrà dimezzare le proprie emissioni rispetto ai valori del 1990. Ma dopo il “no” alla Legge sul CO2 incassato in votazione popolare lo scorso 13 giugno, la strategia è da rivedere.

Ecco dunque che oggi il Consiglio federale ha deciso il seguito da dare alla politica climatica.  E lo ha fatto basandosi su un'analisi del risultato della recente votazione, che identifica in linea generale la causa del rifiuto nel timore di un aumento dei costi.

Come si andrà quindi avanti? Nel complesso - come comunicato oggi dalla ministra Simonetta Sommaruga - la futura politica climatica dovrà basarsi su una combinazione di più strumenti: l'effetto d'incentivazione legato alla tassa sul CO2 dovrebbe essere completato da incentivi efficaci e da una promozione mirata.

Il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) è dunque stato incaricato di preparare entro la fine dell'anno un progetto di legge da porre in consultazione. E il progetto dovrà tenere conto di tutta una serie di parametri. Non dovranno per esempio essere introdotte nuove tasse. Ma dovranno essere previsti diversi sostegni alla popolazione e ai settori interessati: un ulteriore aiuto finanziario per la sostituzione dei vecchi sistemi di riscaldamento a olio e a gas, promuovere il potenziamento dell'infrastruttura per le auto elettriche, abolire le agevolazioni fiscali a favore degli autobus con motori diesel.

Le varie misure, combinate con il progresso tecnologico e il dinamismo di diversi settori, permettono - sottolinea ancora Sommaruga - di mantenere l'obiettivo di riduzione del 50 per cento delle emissioni entro il 2030.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Anche Swissmedic sta valutando la pillola anti-Covid
Merck ha depositato una domanda di omologazione in Svizzera lo scorso mese di agosto
FOTO
ZUGO
11 ore
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
15 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
15 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
17 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
17 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
19 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
19 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
20 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile