Keystone
L'ospedale di Frauenfeld
TURGOVIA
18.09.21 - 08:100
Aggiornamento : 15:57

Scompiglio in sala parto per le misure Covid, sotto accusa l’ospedale di Frauenfeld

La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».

La donna sarebbe stata obbligata, per ottenere degli antidolorifici, a sottoporsi a un test PCR e indossare la mascherina nonostante il certificato medico.

FRAUENFELD - Costretta a sottoporsi a un test PCR per ottenere antidolorifici. E a indossare la mascherina nonostante il certificato medico. Sono accuse pesanti quelle rivolte all’Ospedale cantonale turgoviese dal compagno e dal fratello di una donna che ha partorito proprio lì a inizio settembre. Accuse, riporta il Blick, diffuse attraverso il popolare canale youtube Corona-scettico di Daniel Stricker, Stricker TV.

Niente test, niente cure - Secondo il racconto del padre e dello zio del neonato, il giorno del parto all'ora neomamma è stato rifiutata la somministrazione di antidolorifici finché non si è sottoposta a un test PCR. Il fratello ha inoltre dichiarato che il personale ha costretto la donna a indossare la mascherina durante tutto il processo, nonostante lei disponesse di un certificato medico che la esentasse dall’indossarla. «Il bambino è poi stato messo al mondo con un parto cesareo d’urgenza, probabilmente a causa dello stress» ha dichiarato il padre dicendo la sua sul corso degli eventi. 

«I parenti hanno ostacolato il lavoro medico» - La direzione dell’ospedale di Frauenfeld respinge le accuse al mittente, definite «fittizie» e non aderenti alla realtà. La donna è stata trattata allo stesso modo di tutti gli altri pazienti e non ha dovuto indossare la mascherina, ha chiarito Marc Kohler, CEO della struttura sanitaria. «Tuttavia l’intero processo è stato significativamente disturbato dai parenti coinvolti, che hanno grossolanamente ignorato i regolamenti e ostacolato il lavoro medico, così che il nostro personale si è trovato costretto a chiamare la polizia». Dopo la diffusione del video, riferisce il Blick, l’ospedale starebbe ancora ricevendo minacce telefoniche e via mail.  

Offese verbali e accesso forzato - La Polizia cantonale turgoviese ha confermato l’intervento sul posto, spiegando che una persona aveva dato in escandescenze all’ingresso dell’ospedale. Lì c’erano state «discussioni» con il fratello della gestante e sua madre, che hanno forzato l’accesso in sala parto. L’uomo sarebbe poi stato «verbalmente offensivo» nei confronti del personale. Gli agenti, spiega la polizia, sono infine riusciti a smorzare gli animi.


Screenshot Stricker TV

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
2 ore
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
5 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
7 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
7 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
10 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
10 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
12 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
12 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile