Keystone (archivio)
SVIZZERA
16.09.21 - 14:130
Aggiornamento : 16:20

Test a pagamento: l'UDC cambia rotta e mette pressione sul Consiglio Federale

Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.

E già si vocifera che il Consiglio federale stia ora rimettendo in discussione la decisione presa l'11 agosto scorso.

BERNA - L’UDC fa marcia indietro. Dopo aver sostenuto la revoca della gratuità dei test per tutti gli asintomatici annunciata per il primo ottobre, il partito di Marco Chiesa cambia rotta e lancia una mozione volta a mantenere lo status quo. 

Una vaccinazione forzata - «Ci aspettiamo che il Consiglio federale torni sulla sua decisione», così il capogruppo dell'UDC alle camere federali Thomas Aeschi. L'obbligo di presentare un certificato Covid equivale a una vaccinazione forzata, sottolinea il partito. «Ciò è tanto più vero in quanto i cittadini che non possono o non vogliono vaccinarsi dovranno pagare i test per avere una vita sociale o completare gli studi. Dal punto di vista dell'UDC questo onere aggiuntivo è inaccettabile, e in particolar modo per i giovani e i cittadini che dispongono di mezzi finanziari limitati».

La petizione - La presa di posizione dell’UDC arriva il giorno successivo del lancio di una petizione in Svizzera tedesca che chiede di mantenere la gratuità dei test. Una petizione, che ha nel frattempo raccolto già oltre 235mila firme. 

Il PLR contro tutti - I consiglieri federali dell'UDC Ueli Maurer e Guy Parmelin si sono finora espressi a favore dei test a pagamento. Ma la pressione esercitata dal loro partito potrebbe ora far cambiare le carte in tavola. E se La Sinistra e Il Centro si sono sempre schierati a favore del mantenimento dei tamponi gratuiti, il PLR rimane l’unico grande partito ad appoggiare la scelta del Governo.

Qualcuno ipotizza un dietrofront - Secondo quanto riportato dalla Luzerner Zeitung, il Consiglio federale starebbe già ridiscutendo la misura ed è possibile che annulli la decisione presa l’11 agosto scorso ancora prima della sua entrata in vigore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Anche Swissmedic sta valutando la pillola anti-Covid
Merck ha depositato una domanda di omologazione in Svizzera lo scorso mese di agosto
FOTO
ZUGO
9 ore
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
13 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
13 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
14 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
15 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
16 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
17 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
18 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
19 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile