Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
SVIZZERA
16.09.21 - 14:130
Aggiornamento : 16:20

Test a pagamento: l'UDC cambia rotta e mette pressione sul Consiglio Federale

Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.

E già si vocifera che il Consiglio federale stia ora rimettendo in discussione la decisione presa l'11 agosto scorso.

BERNA - L’UDC fa marcia indietro. Dopo aver sostenuto la revoca della gratuità dei test per tutti gli asintomatici annunciata per il primo ottobre, il partito di Marco Chiesa cambia rotta e lancia una mozione volta a mantenere lo status quo. 

Una vaccinazione forzata - «Ci aspettiamo che il Consiglio federale torni sulla sua decisione», così il capogruppo dell'UDC alle camere federali Thomas Aeschi. L'obbligo di presentare un certificato Covid equivale a una vaccinazione forzata, sottolinea il partito. «Ciò è tanto più vero in quanto i cittadini che non possono o non vogliono vaccinarsi dovranno pagare i test per avere una vita sociale o completare gli studi. Dal punto di vista dell'UDC questo onere aggiuntivo è inaccettabile, e in particolar modo per i giovani e i cittadini che dispongono di mezzi finanziari limitati».

La petizione - La presa di posizione dell’UDC arriva il giorno successivo del lancio di una petizione in Svizzera tedesca che chiede di mantenere la gratuità dei test. Una petizione, che ha nel frattempo raccolto già oltre 235mila firme. 

Il PLR contro tutti - I consiglieri federali dell'UDC Ueli Maurer e Guy Parmelin si sono finora espressi a favore dei test a pagamento. Ma la pressione esercitata dal loro partito potrebbe ora far cambiare le carte in tavola. E se La Sinistra e Il Centro si sono sempre schierati a favore del mantenimento dei tamponi gratuiti, il PLR rimane l’unico grande partito ad appoggiare la scelta del Governo.

Qualcuno ipotizza un dietrofront - Secondo quanto riportato dalla Luzerner Zeitung, il Consiglio federale starebbe già ridiscutendo la misura ed è possibile che annulli la decisione presa l’11 agosto scorso ancora prima della sua entrata in vigore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Vaiolo delle scimmie, già fatte le prove per una pandemia
L’esercitazione, messa in atto alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2021, ha insospettito molte persone.
GRIGIONI
2 ore
Seimila sigarette nascoste un po' ovunque nel camper
Sono state trovate dai doganieri durante un controllo al valico di Martina.
SVIZZERA
2 ore
I miliardi della Banca invece del portafoglio dei lavoratori
L'iniziativa popolare "sulla BNS" è stata lanciata oggi da sindacati, PS e altre associazioni di sinistra.
ZURIGO
2 ore
Lavoro: uno svizzero su due è insoddisfatto
Uno su cinque, invece, punta a cambiare posizione entro l'anno.
SAN GALLO
18 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
18 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
18 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
21 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
22 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
1 gior
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile