20min/Simon Glauser
SVIZZERA
15.09.21 - 11:000

«In Parlamento col certificato Covid»

La Commissione delle istituzioni politiche chiede l'introduzione dell'obbligo, con rimborso per i test

BERNA - L'obbligo di esibire un certificato sanitario deve valere anche per i parlamentari federali. È quanto ritiene la Commissione delle istituzioni politiche (CIP-S) del Consiglio degli Stati che - con 10 voti a 2 e una astensione - ha adottato un'iniziativa parlamentare in tal senso.

Attualmente mancano le basi legali per escludere chi non ha il certificato. Ciò è dovuto all'articolo 10 della Legge sul parlamento che obbliga i parlamentari a partecipare alle sedute delle Camere e delle Commissioni, ha spiegato lunedì il presidente del Consiglio degli Stati Alex Kuprecht (UDC/SZ) aprendo la sessione autunnale.

La questione era stata sollevata dai presidenti di partito: domenica la SonntagsZeitung aveva riferito come questi - ad eccezione del presidente UDC Marco Chiesa che, stando al domenicale, non era stato contattato - abbiano scritto una lettera alla Delegazione amministrativa (cioè la direzione dei Servizi del parlamento) chiedendo l'introduzione dell'obbligo.

Riunitasi per discutere del caso, la CIP-S ha constatato che l'esercizio di mandato in Parlamento non è paragonabile alle attività che già sottostanno all'obbligo del certificato Covid. La commissione sottolinea inoltre che neppure sul posto di lavoro vige un obbligo generale di disporre di un certificato. Pertanto, «se si intende imporre vincoli per l'accesso al Palazzo del Parlamento, la loro proporzionalità dev'essere attentamente esaminata», afferma la CIP-s in una nota.

La Commissione delle istituzioni politiche degli Stati dice di volersi assumere questo compito. Per la CIP-S, «poiché per ottenere un certificato Covid è necessario solo un test, richiedere tale certificato per accedere al Palazzo del Parlamento è considerato proporzionato».

Previa approvazione della commissione omologa del Nazionale, la CIPS-S provvederà a elaborare le necessarie basi legali. L'obiettivo è che queste possano entrare in vigore in occasione delle sedute commissionali che si terranno nel quarto trimestre di quest'anno.

La commissione fa anche notare che se tutti i presenti sotto il Cupolone disporranno di un certificato Covid, sarà possibile revocare le misure di protezione, come l'obbligo di indossare la mascherina e l'installazione di pareti divisorie in plexiglass, che possono ostacolare la comunicazione tra parlamentari. Si tratta anche di garantire la capacità a lungo termine del Parlamento in un contesto epidemiologico ancora incerto e di contribuire a evitare il sovraccarico del sistema sanitario.

Concretamente, il certificato Covid sarà richiesto a tutti coloro che accedono a Palazzo federale (dai 16 anni in su). Il pass potrà essere caricato sul "badge" che permette l'accesso all'edificio.

Da notare che i membri dei Consigli che non dispongono di un certificato Covid potranno votare a distanza. Chi deve accedere a Palazzo federale potrà inoltre farsi rimborsare il costo del test.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
55 min
Una nuova infezione su tre colpisce adolescenti e bambini
Il trend è chiaro: un terzo dei nuovi contagi di coronavirus riguarda chi ha meno di 19 anni
SVIZZERA
1 ora
I piloti “a rischio” potranno essere segnalati
Il Consiglio nazionale si allinea alla decisione presa dagli Stati
SVIZZERA
4 ore
Lo sciopero della fame prosegue, ma la situazione non si sblocca
Guillermo Fernandez si trova da settimane (senza mangiare) davanti a Palazzo federale.
BERNA
10 ore
Keller-Sutter: «Il 2G è il prossimo possibile passo»
Un obbligo vaccinale, anche solo per determinate categorie, non viene invece preso in considerazione.
SVIZZERA
12 ore
Cosa abbiamo chiesto a Google nel 2021?
Il colosso del Web ha pubblicato le classifiche dei termini più ricercati dell'anno in Svizzera.
GINEVRA
13 ore
Il cane poliziotto salva un anziano nel bosco
L'uomo è stato rinvenuto in stato di ipotermia, ma cosciente.
ZURIGO 
14 ore
Il Presidente di Credit Suisse ha violato l'obbligo di quarantena
Doveva restare a casa, invece è volato con un jet privato nella penisola iberica.
BERNA
15 ore
Morto per aver usato il telefonino durante il volo
Il SISI ha chiarito le circostanze che hanno portato allo schianto un esperto pilota di alianti, nel 2016.
SVIZZERA
15 ore
Morto l'ex presidente di Novartis e UBS Alex Krauer
Era stato pure uno degli artefici della fusione tra Ciba-Geigy e Sandoz.
SVIZZERA
18 ore
Il ministro meno amato? «Preferisco restare fedele alle mie idee»
Dopo il discorso tenuto per l'elezione alla presidenza della Confederazione, Cassis ha incontrato i media.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile