tipress
SVIZZERA
14.09.21 - 19:040

I Cantoni chiedono una stretta alle frontiere

Regole d'entrata più severe, la proposta per evitare una nuova ondata

BERNA - L'inasprimento delle condizioni per entrare in Svizzera proposto mercoledì scorso dal Consiglio federale corrisponde alla richiesta di diversi Cantoni, ha indicato oggi la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS). La consultazione lanciata dal governo su queste restrizioni termina domani.

«Alla luce dell'esperienza fatta dopo le vacanze estive, quando una parte considerevole delle nuove infezioni poteva essere attribuita a viaggiatori che rientravano in Svizzera, una discussione su regole d'entrata più severe deve avvenire prima delle vacanze autunnali», ha sottolineato la CDS in una risposta a Keystone-ATS.

Per le persone che vogliono entrare in Svizzera non vaccinate e non guarite da un'infezione di Covid-19, il Consiglio federale ha avanzato mercoledì scorso due proposte che contemplano un doppio test a distanza di qualche giorno, oppure un tampone e quarantena. La CDS non ha voluto precisare quale variante sosterrebbe. Le nuove regole di viaggio entreranno presumibilmente in vigore il 20 settembre.

Frontalieri esclusi - La prima proposta prevede che le persone non vaccinate e non già contagiate e guarite dal Covid che entrano in Svizzera - indipendentemente dalla loro provenienza - debbano presentare un test negativo all'ingresso. In seguito, dai quattro ai sette giorni dopo l'arrivo in Svizzera, dovranno eseguire un altro test. Questo tampone sarà a pagamento, dovrà essere effettuato in Svizzera e il risultato sarà poi trasmesso al Cantone.

La seconda proposta, sulla falsa riga della prima, prevede che un test negativo debba obbligatoriamente essere presentato all'ingresso in Svizzera da una persona che non è né vaccinata, né guarita dal Covid. Invece di sottoporsi a un secondo test, i viaggiatori dovranno mettersi in quarantena per dieci giorni. La quarantena potrà essere ridotta dopo sette giorni sottoponendosi a un test (a pagamento) e ottenendo un risultato negativo.

Per entrambe le varianti proposte, chi arriva in Svizzera deve compilare il modulo di iscrizione elettronico (Passenger Locator Form). La misura vale per ogni metodo di entrata in Svizzera: a piedi, in bicicletta, in aereo, in treno, in nave, in autobus e in auto. I controlli saranno intensificati e, se necessario, saranno inflitte multe.

Sono invece esclusi da queste misure i frontalieri, chi ha meno di 16 anni, i passeggeri in transito e gli autotrasportatori che attraversano la Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
13 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
14 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
15 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A migliaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
16 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
17 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
17 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
18 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
20 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
21 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile