Immobili
Veicoli
tipress
SVIZZERA
15.09.21 - 06:000
Aggiornamento : 09:36

Il capo non paga i No Vax in quarantena

Qualcuno su Twitter formula propositi estremi. Ma cosa dice la legge? E cosa rischia chi non si vaccina?

Fonte 20 Minuten/Barbara Scherer
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

BERNA - Da lunedì il certificato vaccinale è d'obbligo per entrare in bar, ristoranti e palestre in Svizzera. Negli uffici no: la decisione resta a discrezione del datore di lavoro. Ma per i non vaccinati, vige l'obbligo di quarantena qualora entrino in contatto con una persona positiva al Covid. 

Una situazione che scalda gli animi, indubbiamente. E su Twitter c'è già chi propone soluzioni estreme: un imprenditore svizzero-tedesco ad esempio ha deciso di non anticipare gli stipendi ai collaboratori non vaccinati in quarantena. «Dovranno richiedere da soli l'indennità di malattia, e i primi giorni di assenza saranno a loro spese. Mi sono rotto le scatole». 

Il popolo della rete si è scatenato, e non è mancato chi ha sollevato dei dubbi sulla legalità della decisione. Le sforzo amministrativo e burocratico imposto dall'emergenza sanitaria pesa sui conti (e sui nervi) delle imprese: ma giustifica dei rimedi "estremi" e un po' bruschi? Nei luoghi di lavoro si ripeterà il parapiglia delle scorse ondate? Forse è il caso di chiarire alcuni punti.

Quarantena sì, quarantena no

Chi non è stato vaccinato ed è stato in contatto con una persona affetta da coronavirus per più di 15 minuti deve mettersi in quarantena domiciliare. La misura dura dieci giorni, come in passato. Con un test negativo, la quarantena può essere ridotta a sette giorni. La novità rispetto all'autunno scorso è che le persone guarite e completamente vaccinate, invece, sono esentate dalla quarantena. Se si sviluppano i sintomi, anche i vaccinati devono rimanere a casa.

Stipendi a rischio?

Se la quarantena è ordinata dalle autorità o da un medico, il datore di lavoro non può tagliare gli stipendi, come scrive Unia. Le persone colpite hanno quindi diritto a un risarcimento: ricevono l'80% del loro salario per sette giorni. Unia è convinta che i contagiati dovrebbero ricevere lo stipendio pieno: il rispetto della quarantena è un obbligo legale. Ma la valutazione giuridica è ancora controversa.

E al rientro da paesi a rischio...

Le cose stanno diversamente per chi rientra da paesi a rischio. Chi può lavorare da casa ha diritto allo stipendio pieno. Ma dove lo home-working non è possibile, il datore di lavoro può tagliare il salario, secondo l'UFSP. Anche Unia concorda sul fatto che i vacanzieri "temerari" non hanno diritto a indennizzi o stipendi. 

Chi deve fare domanda per l'indennità?

In caso di quarantena, l'obbligo di chiedere l'indennità spetta al lavoratore, che deve rivolgersi alla propria cassa di compensazione. È prassi, però, che sia il datore di lavoro a svolgere questo compito, compilando direttamente il modulo. 

Il mio datore di lavoro può obbligarmi a vaccinarmi?

In generale, no. L'azienda può pretendere il certificato vaccinale solo se, nonostante le misure di protezione, sussiste un pericolo «relativamente elevato» per i collaboratori stessi o per altre persone (pazienti, clienti, colleghi di lavoro). Lo scrive la Seco sul proprio sito web. «Per ogni singolo caso occorrerà valutare attentamente rischi e benefici. Non è ammesso l’obbligo generalizzato di vaccinazione per tutto il personale di un’azienda».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
14 min
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
30 min
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
49 min
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
57 min
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
11 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
12 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
12 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
SVIZZERA
15 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
19 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
20 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile