tipress
SVIZZERA
15.09.21 - 06:000
Aggiornamento : 09:36

Il capo non paga i No Vax in quarantena

Qualcuno su Twitter formula propositi estremi. Ma cosa dice la legge? E cosa rischia chi non si vaccina?

Fonte 20 Minuten/Barbara Scherer
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

BERNA - Da lunedì il certificato vaccinale è d'obbligo per entrare in bar, ristoranti e palestre in Svizzera. Negli uffici no: la decisione resta a discrezione del datore di lavoro. Ma per i non vaccinati, vige l'obbligo di quarantena qualora entrino in contatto con una persona positiva al Covid. 

Una situazione che scalda gli animi, indubbiamente. E su Twitter c'è già chi propone soluzioni estreme: un imprenditore svizzero-tedesco ad esempio ha deciso di non anticipare gli stipendi ai collaboratori non vaccinati in quarantena. «Dovranno richiedere da soli l'indennità di malattia, e i primi giorni di assenza saranno a loro spese. Mi sono rotto le scatole». 

Il popolo della rete si è scatenato, e non è mancato chi ha sollevato dei dubbi sulla legalità della decisione. Le sforzo amministrativo e burocratico imposto dall'emergenza sanitaria pesa sui conti (e sui nervi) delle imprese: ma giustifica dei rimedi "estremi" e un po' bruschi? Nei luoghi di lavoro si ripeterà il parapiglia delle scorse ondate? Forse è il caso di chiarire alcuni punti.

Quarantena sì, quarantena no

Chi non è stato vaccinato ed è stato in contatto con una persona affetta da coronavirus per più di 15 minuti deve mettersi in quarantena domiciliare. La misura dura dieci giorni, come in passato. Con un test negativo, la quarantena può essere ridotta a sette giorni. La novità rispetto all'autunno scorso è che le persone guarite e completamente vaccinate, invece, sono esentate dalla quarantena. Se si sviluppano i sintomi, anche i vaccinati devono rimanere a casa.

Stipendi a rischio?

Se la quarantena è ordinata dalle autorità o da un medico, il datore di lavoro non può tagliare gli stipendi, come scrive Unia. Le persone colpite hanno quindi diritto a un risarcimento: ricevono l'80% del loro salario per sette giorni. Unia è convinta che i contagiati dovrebbero ricevere lo stipendio pieno: il rispetto della quarantena è un obbligo legale. Ma la valutazione giuridica è ancora controversa.

E al rientro da paesi a rischio...

Le cose stanno diversamente per chi rientra da paesi a rischio. Chi può lavorare da casa ha diritto allo stipendio pieno. Ma dove lo home-working non è possibile, il datore di lavoro può tagliare il salario, secondo l'UFSP. Anche Unia concorda sul fatto che i vacanzieri "temerari" non hanno diritto a indennizzi o stipendi. 

Chi deve fare domanda per l'indennità?

In caso di quarantena, l'obbligo di chiedere l'indennità spetta al lavoratore, che deve rivolgersi alla propria cassa di compensazione. È prassi, però, che sia il datore di lavoro a svolgere questo compito, compilando direttamente il modulo. 

Il mio datore di lavoro può obbligarmi a vaccinarmi?

In generale, no. L'azienda può pretendere il certificato vaccinale solo se, nonostante le misure di protezione, sussiste un pericolo «relativamente elevato» per i collaboratori stessi o per altre persone (pazienti, clienti, colleghi di lavoro). Lo scrive la Seco sul proprio sito web. «Per ogni singolo caso occorrerà valutare attentamente rischi e benefici. Non è ammesso l’obbligo generalizzato di vaccinazione per tutto il personale di un’azienda».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
14 min
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
2 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
2 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
5 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
5 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
7 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
7 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
9 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
10 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile