Tipress (foto d'archivio)
SVIZZERA
14.09.21 - 11:030

Cure intensive che si riempiono, l'allarme dei cardiochirurghi

Si allungano le liste d'attesa per le operazioni al cuore. La SSCC: «Situazione preoccupante»

AARAU - L'attuale alta occupazione dei reparti di cure intensive ha quale conseguenza che non tutte le operazioni al cuore necessarie possono essere eseguite in tempo. La situazione concerne in particolare i pazienti con malattie cardiache complesse.

Lo indica in una nota odierna il presidente della Società svizzera di chirurgia del cuore e dei vasi toracici (SSCC) Peter Matt. L'associazione si dice «preoccupata per l'elevata occupazione delle cure intense negli ospedali svizzeri».

Le liste di attesa si allungano sempre di più e aumenta il rischio per i pazienti non trattati, provocando un grave pericolo per molte persone. La SSCC mette in guardia da complicazioni potenzialmente letali, quali attacchi cardiaci, aritmie, insufficienze cardiache e morti per infarto.

«È più importante che mai fermare l'aumento dei contagi», ha aggiunto Matt. Le misure igieniche e protettive dovrebbero continuare ad essere seguite e le persone che possono dovrebbero essere vaccinate il prima possibile. La SSCC chiede inoltre con urgenza maggiori risorse e capacità nei reparti di cure intensive.

Ogni anno in Svizzera vengono realizzate oltre 7'000 operazioni cardiache maggiori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
11 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
11 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
11 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
13 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
16 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
16 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
18 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
19 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
19 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile