Archivio Keystone
Due studentesse, all'Università di San Gallo in una foto d'archivio.
SVIZZERA
11.09.21 - 12:360
Aggiornamento : 16:34

Sui banchi dell'Uni solo con il Certificato Covid: «Sto pensando di lasciare gli studi»

Sono diversi gli atenei svizzeri in cui è (o sarà) obbligatorio e c'è già chi parla di discriminazione.

L'Associazione degli studenti: «Il diritto all'istruzione sia sempre garantito», l'avvocato: «Per la legge un obbligo proporzionato».

Fonte 20 Minuten/Noah Knüsel
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

ZURIGO - Dopo la stretta dello scorso mercoledì del Consiglio Federale, sono sempre di più gli atenei svizzeri decisi a introdurre un obbligo di Certificato Covid per presenziare alle lezioni.

Si tratta di una novità, sulla falsariga dell'obbligo italiano di Pass per le università, che interessa - o interesserà - diversi istituti universitari della Romandia e della Svizzera tedesca.

Fra queste ci sono il Poli di Losanna, l'Uni e il Poli di Zurigo e l'Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW), ma anche la nostrana SUPSI.

La misura è in via di implementazione anche in scuole forse un po' meno rinomate a livello svizzero, ma comunque frequentate come l'Università di Scienze Applicate della Svizzera nordoccidentale (FHNW), l'Università di Scienze della Formazione di Zurigo (PHZH) e l'Università di Scienze Applicate di Lucerna (HSLU).

Non sempre il fatto di avere il documento in questione, però, esenta dall'indossare la mascherina in classe e all'interno della struttura scolastica. Una decisione, questa, che lascia scontento chi si è vaccinato oppure è guarito dal Covid.

Chi, invece, di sicuro è anche un po' arrabbiato sono tutti quegli studenti (e non sono pochi) che non si sono ancora vaccinati completamente o non hanno intenzione di farlo. 

«Al di là delle ragioni individuali, è una decisione che effettivamente taglia fuori parecchia gente», spiega lo studente losannese Patrick* a 20 Minuten, «il costo dei test (a pagamento dal 1 ottobre. ndr.) è sufficiente a far si che in diversi non possano più presentarsi a lezione, qui fra di noi non è che proprio piovano i soldi».

Un problema, questo, che non si risolve - nell'immediato - anche con una "corsa al vaccino", visto che il Certificato Covid richiede la doppia inoculazione, e quindi logisticamente più di un mese, prima di essere valido davvero.

«Mi aspetto che si pensi a un'alternativa per chi non è vaccinato o si sta vaccinando», continua Patrick, «magari una possibilità di seguire i corsi in remoto, secondo un modello ibrido». Un approccio, questo, che potrebbe rendere meno problematico l'inizio del semestre a molti.

Se c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno, c'è però anche chi lo vede completamente vuoto. È il caso di Rolf*, matricola di informatica allo Zhaw che sta già pensando di abbandonare la sua carriera universitaria: «L'obbligo del certificato mi mette molto in difficoltà», spiega il giovane che si ritiene tutt'altro che un no-vax: «Non sono contrario al vaccino, ma un'imposizione così non mi convince. Chi conosco e ha preso il Covid ha avuto solo un decorso lieve, non ne vedo davvero il motivo».

«La possibilità di accedere all'istruzione dovrebbe essere garantita a tutti e in egual misura», commenta Elisha Link dell'Associazione delle unioni studentesche svizzere (VSS) che ha le sue riserve su un obbligo a tappeto del Certificato, anche viste le misure di sicurezza già in vigore.

«Lo scenario migliore prevederebbe comunque una parte di didattica online per chi non ha ancora il Certificato ma anche una coordinazione fra i vari atenei e i cantoni, al momento quello che abbiamo a livello svizzero è uno scenario a macchia di leopardo».

Il discorso, per quanto riguarda le università resta comunque aperto e c'è già chi sta pensando a uno sconto sui tamponi per gli studenti alle possibilità di vaccinarsi nel campus, senza necessità di prenotazione.

*nomi noti alla redazione

«Un obbligo proporzionato»

Non ha dubbi invece, l'avvocato Tobias Jaag che per 20 Minuten ha analizzato il possibile obbligo dal punto di vista legale: «Il Tribunale Federale ha già confermato come questa misura sia giustificabile in base al principio del pubblico interesse, ovvero ostacolare la pandemia di Covid». Anche la faccenda relativa ai costi dei tamponi, non avrebbe grandi appigli: «La vaccinazione è gratuita, da mesi. Non immunizzarsi è una scelta individuale con tutto ciò che ne consegue».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA
22 min
Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong
Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo
GRIGIONI
2 ore
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
4 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
5 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
6 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
SVIZZERA
6 ore
La Svizzera è sempre più calda
Temperature superiori ai 25 gradi per 80 giorni sul Ticino meridionale, e tra 40 e 60 giorni sull'Altopiano
SVIZZERA
6 ore
Via libera alla terza dose
L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech
SVIZZERA
8 ore
"Svizzero" per errore, non ha più diritto alla nazionalità
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un giovane che a torto e a lungo è stato considerato cittadino elvetico.
SVIZZERA
8 ore
Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici
All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente
SVIZZERA
9 ore
La ripresa turistica è legata a vaccino e pubblicità
L'esempio degli Emirati Arabi Uniti, dove con l'85% degli over 12 vaccinati si torna a viaggiare... anche in Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile