Immobili
Veicoli
20min/Taddeo Cerletti
SVIZZERA
10.09.21 - 08:500

«Nelle scuole bisogna puntare sui test di massa»

Per la presidente della Conferenza dei direttori dell'educazione, le scuole «lavorano per garantire la sicurezza»

ZURIGO - Silvia Steiner, presidente del governo zurighese e presidente della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), vuole che più alunni del cantone di Zurigo siano sottoposti al test del coronavirus. Nelle scuole che fanno test ripetitivi, la regola della quarantena dovrebbe essere allentata.

«L'idea è che in caso di un test positivo, l'intera classe non debba più essere posta in quarantena» ha detto Steiner in un'intervista al Blick. I bambini e le scuole che partecipano ai test ripetitivi dovrebbero essere esentati da questa misura, ha aggiunto.

Tuttavia, la decisione d'introdurre test ripetitivi in tutti i cantoni non è attualmente all'ordine del giorno, ha detto Steiner ai giornali del gruppo editoriale CH-Media. La CDPE è convinta che le misure adattate a livello locale contribuiscano maggiormente a limitare la diffusione del coronavirus che una soluzione uniforme a livello nazionale.

Steiner respinge l'accusa secondo la quale le autorità non proteggono abbastanza gli scolari. «Ogni giorno le scuole lavorano per garantire che i bambini siano il più possibile protetti, ma anche che abbiano una giornata scolastica normale» ha detto al Blick.

Capisce tuttavia che i genitori siano preoccupati. Dopo tutto, sono responsabili dei loro figli. Ma i bambini non possono essere rinchiusi. Potrebbero entrare in contatto con il virus ovunque, per esempio quando giocano all'aperto o a una festa di compleanno.

La responsabilità non può essere semplicemente trasferita alle scuole. Tutti hanno un ruolo. «Genitori, scuole, insegnanti e cantoni - tutti devono unirsi per risolvere la situazione» ha detto Steiner.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
52 min
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
1 ora
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
SVIZZERA
1 ora
«La Svizzera deve mettere il turbo sul fotovoltaico»
Secondo Greenpeace un maggiore uso del solare ridurrebbe a zero le emissioni di CO2 di trasporti, edifici e industria
FOTO
SVIZZERA
3 ore
Si è aperto il processo a Pierin Vincenz
L'ex-capo di Raiffeisen è accusato di aver occultato 9 milioni, per lui chiesti 6 anni di carcere
BERNA
5 ore
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
SVIZZERA
14 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
19 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
19 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
1 gior
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile