Keystone
VAUD / NEUCHÂTEL
09.09.21 - 17:240

Certificato Covid obbligatorio in tre atenei

La misura è stata decisa dalle università di Neuchâtel e Losanna e del Politecnico del capoluogo vodese.

«Grazie all'insegnamento a distanza nessuno verrà escluso», assicurano i portavoce degli atenei.

LOSANNA - Gli atenei vodesi e neocastellani introducono il certificato Covid. Sia il Politecnico federale di Losanna (EPFL), sia le università di Losanna che di Neuchâtel (UNINE) hanno deciso di renderlo obbligatorio dalla ripresa dei corsi il prossimo 21 settembre.

Tali decisioni sono state prese all'indomani dell'annuncio del Consiglio federale, che ha esteso l'uso del "pass sanitario" lasciando la libertà alle alte scuole di imporlo agli studenti. All'EPFL, la misura è valida per tutti i corsi e gli esercizi, ha indicato oggi la sua portavoce Corinne Feuz.

Quest'ultima ha precisato all'agenzia Keystone-ATS che la disponibilità dei corsi sarà garantita a tutti grazie all'insegnamento a distanza. «Gli studenti che non hanno un certificato Covid non saranno quindi esclusi dall'insegnamento», ha sottolineato.

Il certificato offrirà «una migliore garanzia sanitaria» agli studenti che assisteranno ai corsi "in presenza". Consentirà inoltre di utilizzare le infrastrutture a pieno regime. «Per i nostri studenti, ciò permetterà un vero ritorno alla vita universitaria», ha aggiunto Feuz.

L'EPFL sta ora lavorando all'attuazione dei controlli. Il Politecnico federale di Losanna sta pure studiando la possibilità di rendere obbligatorio il certificato presso i suoi collaboratori. Tale misura può tuttavia essere adottata soltanto al termine di una consultazione interna, ha precisato la portavoce.

Vaccinazione sul posto - Oggi anche la comunità studentesca dell'Università di Losanna (UNIL) ha ricevuto un messaggio da parte della direzione sull'introduzione del certificato Covid obbligatorio. Tutti i corsi del livello bachelor e master sono interessati da questo provvedimento. Dettagli sulla attuazione della misura saranno rivelati la prossima settimana.

Da notare che il "pass sanitario" sarà già obbligatorio da lunedì prossimo sul campus dell'UNIL, per l'accesso ai servizi di ristorazione, alle infrastrutture sportive e alle biblioteche. Occorrerà pure dimostrare di avere le carte in regola per recarsi nei ristoranti e nelle caffetterie dell'EPFL.

I due atenei ricordano infine che da lunedì una campagna di vaccinazione avrà luogo sul posto. Le due somministrazioni del vaccino saranno possibili sul campus, la prima anche senza appuntamento. La vaccinazione verrà assicurata da Unisanté.

Anche all'Uni di Neuchâtel - Anche gli studenti dell'Università di Neuchâtel oggi sono stati informati che il certificato Covid sarà obbligatorio per l'inizio dell'anno accademico il prossimo 21 settembre.

I dettagli della sua attuazione saranno ancora discussi nei prossimi giorni, ma è già sicuro che la ritrasmissione in "streaming" dei corsi verrà garantita per le persone che non potranno recarsi sul posto, ha indicato il responsabile della comunicazione Nando Luginbühl.

Allo studio anche altrove - Pure in altre università romande e svizzero-tedesche, l'introduzione del certificato Covid non è esclusa. A Friburgo, ad esempio, il responsabile della comunicazione dell'università, Marius Widmer, ha indicato che una decisione verrà presa all'inizio della prossima settimana. Ha in particolare sottolineato che senza "pass", la capacità delle sale dovrebbe nuovamente essere ridotta a due terzi al massimo.

All'Università di Berna la direzione ha già deciso di introdurre dal 1. settembre l'obbligo del certificato Covid per tutte le attività, ad eccezione dell'insegnamento a livello di bachelor e master. Ora, dopo la decisione di ieri del Consiglio federale, la direzione sta discutendo con il cantone, se e come sia possibile estendere l'obbligo del "pass sanitario" agli studenti che frequentano l'ateneo. Dovrebbe essere garantita la partecipazione ai corsi anche a coloro che non ne sono in possesso, grazie ad esempio all'insegnamento a distanza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
1 ora
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
3 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
5 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
6 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
SVIZZERA
6 ore
La Svizzera è sempre più calda
Temperature superiori ai 25 gradi per 80 giorni sul Ticino meridionale, e tra 40 e 60 giorni sull'Altopiano
SVIZZERA
6 ore
Via libera alla terza dose
L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech
SVIZZERA
7 ore
"Svizzero" per errore, non ha più diritto alla nazionalità
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un giovane che a torto e a lungo è stato considerato cittadino elvetico.
SVIZZERA
8 ore
Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici
All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente
SVIZZERA
8 ore
La ripresa turistica è legata a vaccino e pubblicità
L'esempio degli Emirati Arabi Uniti, dove con l'85% degli over 12 vaccinati si torna a viaggiare... anche in Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Aiuto sociale: nessuna esplosione nonostante la pandemia
Lo scorso anno è stato registrato un incremento dello 0,5%.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile