Immobili
Veicoli
tipress
LUCERNA
09.09.21 - 12:490

Multa da 910 franchi per il parcheggio

Una donna di Lucerna ha fatto ricorso fino al Tribunale federale contro la sanzione. E ha vinto

LUCERNA - Una lucernese che non aveva digerito una multa di 910 franchi inflittale per aver superato il tempo di parcheggio di 28 minuti è andata fino al Tribunale federale (TF) dove la sanzione è stata ridotta a 40 franchi.

L'automobilista aveva parcheggiato la sua auto in un parcheggio a pagamento. Aveva alimentato il parchimetro fino alle 19.51. Un vigile aveva constatato che il veicolo era ancora lì alle 20.19. La donna ha ammesso l'infrazione ed era pronta a pagare la solita multa di 40 franchi.

Tuttavia il ministero pubblico del cantone di Lucerna non era d'accordo. Nell'ottobre 2018 ha emesso un decreto d'accusa non per aver violato la Legge federale sulla circolazione stradale (LCStr) ma per aver violato un divieto giudiziale. Ha inflitto una multa di 60 franchi e ha aggiunto 800 franchi di spese e 50 franchi di risarcimento all'accusatore privato, ossia una somma complessiva di 910 franchi.

L'accusatore privato non era altro che il Cantone di Lucerna, proprietario del terreno dove si trovava il parcheggio. Un cartello indicava anche che, per decisione del giudice, il parcheggio era vietato alle persone non autorizzate nei giorni lavorativi tra le 6.00 e le 17.00. Al di fuori di questo periodo, il parcheggio era espressamente consentito dietro pagamento di una tassa.

L'automobilista ha invocato questa autorizzazione davanti al TF. In una sentenza pubblicata oggi, il tribunale ha constatato che il parcheggio è aperto a una cerchia imprecisata di persone durante le ore non di punta. Deve quindi essere considerato uno spazio pubblico ed essere soggetto alla Legge federale sulla circolazione stradale. Chiunque parcheggi durante questo periodo contravviene alla LCStr e non al divieto giudiziale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
55 min
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
SVIZZERA
2 ore
Critiche al Governo, Cassis e Keller-Sutter con "l'estintore"
I due consiglieri federali, intervenuti all'assemblea dei delegati PLR, hanno smorzato le polemiche
SVIZZERA
4 ore
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
GINEVRA
5 ore
Con l'auto tra le bancarelle del mercato, un ferito a Ginevra
Il conducente non era in condizioni tali da poter guidare. Si indaga per capire se aveva consumato alcol o droghe.
SVIZZERA
8 ore
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
16 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
18 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
19 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
FOTO
BERNA
1 gior
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
SVIZZERA
1 gior
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile