tipress
LUCERNA
09.09.21 - 12:490

Multa da 910 franchi per il parcheggio

Una donna di Lucerna ha fatto ricorso fino al Tribunale federale contro la sanzione. E ha vinto

LUCERNA - Una lucernese che non aveva digerito una multa di 910 franchi inflittale per aver superato il tempo di parcheggio di 28 minuti è andata fino al Tribunale federale (TF) dove la sanzione è stata ridotta a 40 franchi.

L'automobilista aveva parcheggiato la sua auto in un parcheggio a pagamento. Aveva alimentato il parchimetro fino alle 19.51. Un vigile aveva constatato che il veicolo era ancora lì alle 20.19. La donna ha ammesso l'infrazione ed era pronta a pagare la solita multa di 40 franchi.

Tuttavia il ministero pubblico del cantone di Lucerna non era d'accordo. Nell'ottobre 2018 ha emesso un decreto d'accusa non per aver violato la Legge federale sulla circolazione stradale (LCStr) ma per aver violato un divieto giudiziale. Ha inflitto una multa di 60 franchi e ha aggiunto 800 franchi di spese e 50 franchi di risarcimento all'accusatore privato, ossia una somma complessiva di 910 franchi.

L'accusatore privato non era altro che il Cantone di Lucerna, proprietario del terreno dove si trovava il parcheggio. Un cartello indicava anche che, per decisione del giudice, il parcheggio era vietato alle persone non autorizzate nei giorni lavorativi tra le 6.00 e le 17.00. Al di fuori di questo periodo, il parcheggio era espressamente consentito dietro pagamento di una tassa.

L'automobilista ha invocato questa autorizzazione davanti al TF. In una sentenza pubblicata oggi, il tribunale ha constatato che il parcheggio è aperto a una cerchia imprecisata di persone durante le ore non di punta. Deve quindi essere considerato uno spazio pubblico ed essere soggetto alla Legge federale sulla circolazione stradale. Chiunque parcheggi durante questo periodo contravviene alla LCStr e non al divieto giudiziale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
33 min
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
SVIZZERA
1 ora
«Ha vinto la maggioranza silenziosa»
Così la stampa elvetica ha commentato l'esito dell'attesa votazione del 28 novembre sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
1 ora
Gli svizzeri chiedono nuovi provvedimenti anti-Covid
Estensione dell'obbligo di mascherina e booster raccolgono più consensi, secondo un sondaggio rappresentativo
FOTO
SAN GALLO
3 ore
Abitazione in fiamme: un 54enne ustionato
Il rogo è scoppiato nella notte in uno stabile situato nella località sangallese di Au
SVIZZERA
12 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
16 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
16 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
18 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
21 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
21 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile