Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
Svizzera
08.09.21 - 21:090

HotellerieSuisse saluta le nuove disposizioni Covid, ma non i test a pagamento

Il presidente Andreas Züllig: «I nuovi ostacoli ai nostri servizi possono portare a una perdita di fatturato»

BERNA - Sicurezza di pianificazione, ma paura di perdere fatturato. HotellerieSuisse si schiera: no a norme di quarantena e sì ai test gratuiti. In una nota odierna l'associazione scrive che «la libertà di viaggiare deve essere preservata».

«I nuovi ostacoli ai nostri servizi possono portare a una perdita di fatturato, soprattutto tra la clientela di passaggio». Così Andreas Züllig, presidente di HotellerieSuisse, che, pertanto, accoglie con favore il fatto che la procedura semplificata per il lavoro ridotto sia prorogata fino alla fine dell’anno. La speranza è che con l'estensione del certificato covid non saranno necessarie nuove chiusure e i prossimi mesi potranno avere una pianificazione sicura nel settore del turismo. Nel comunicato si legge: «È fondamentale che la misura sia valida per un periodo di tempo limitato, perché non deve diventare un’istituzione permanente».

«HotellerieSuisse condivide in linea di principio la soluzione del certificato. La decisione odierna del Consiglio federale di estendere l’obbligo del certificato è comprensibile, vista la situazione degli ospedali». Ma «i test dovrebbero restare gratuiti anche dopo il primo ottobre». Secondo HotellerieSuisse «è più conveniente che imporre limitazioni all’economia e alla società». Inoltre la libertà di viaggiare non può essere preservata se ritornano le quarantene. «Tali misure sono contrarie alla fase di normalizzazione e ostacolano massicciamente i viaggi turistici. Di conseguenza, le varianti in cui è previsto un obbligo di quarantena devono essere chiaramente respinte».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
«Relazioni stabili con l'Ue, ma nessun accordo quadro 2.0»
L'intervento del presidente Ignazio Cassis al raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli.
BERNA
5 ore
Un "virus" che dalla Svizzera si è diffuso in Cina
Fino al 1. maggio al Museo Alpino Svizzero di Berna saranno esposte fotografie in netto contrasto fra loro.
GRIGIONI
6 ore
Il WEF avrà luogo a fine maggio
Gli organizzatori hanno confermato che l'evento, procrastinato a causa di Omicron, si terrà nella località grigionese.
SVIZZERA
8 ore
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA
8 ore
Omicron non cede: i nuovi casi sono 37'992
Sono 138 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SAN GALLO
8 ore
Rubano un'auto, provocano un incidente e fuggono
Due dei tre presunti protagonisti dello scontro di Oberuzwil sono già stati arrestati dalla polizia.
SVIZZERA
10 ore
I Paesi dell'Africa australe fuori dalla lista nera
La SEM toglierà il blocco d'ingresso che era in vigore dal mese di novembre per contrastare la diffusione di Omicron.
GRIGIONI
11 ore
Ucciso un lupo, si avvicinava troppo all'uomo
Per le autorità grigionesi era "un pericolo potenziale per l'essere umano"
ZURIGO
13 ore
Una nuova variante può riportarci al punto di partenza?
Per l'epidemiologo Jürg Utzinger sono corrette le manovre del Consiglio federale decise da qui a marzo.
SVIZZERA
13 ore
Tre giorni di lavoro, salario pieno: ecco come prepararsi a una crisi sanitaria
È quanto propone un consulente professionale lucernese. Ma è una soluzione «troppo costosa»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile