20minuten
ZURIGO
06.09.21 - 21:530

Applausi e fiori per gli atleti da Tokyo

La delegazione svizzera alle Paralimpiadi è arrivata a Zurigo forte di ben 14 medaglie.

Gli atleti sperano di poter essere d'esempio e ringraziano per l'attenzione sempre maggiore agli sport praticati da persone diversamente abili.

ZURIGO - Sono stati accolti tra applausi scroscianti, fiori e omaggi vari, gli atleti delle Paralimpiadi atterrati oggi pomeriggio a Zurigo, di ritorno da Tokyo 2020.

Per gli atleti rossocrociati, d'altra parte, è stato un po' un riscatto dopo alcune edizioni non proprio al massimo della forma (si pensi alle sole 5 medaglie portate a casa da Rio). E invece questa volta sono state ben 14, di cui la metà ori, quattro argenti e tre bronzi. Un risultato del genere era stato registrato a Sidney ben 21 anni fa (nell'edizione del 2000). Nel medagliere la Svizzera è al ora 19° posto.

Le reazioni - «Non ho potuto vedere tutte le gare in diretta, ma le ho seguite grazie ai social», racconta un fan in attesa dell'arrivo degli atleti. «Sono impressionata da quello che possono fare le persone con disabilità», sottolinea invece una donna che, per l'occasione, ha preparato uno striscione, «Tutto ciò dimostra quanto duro lavoro e diligenza ci sia dietro», aggiunge.

«Siamo qui per Elena Kratter, siamo super orgogliosi», aggiunge un conoscente dell'atleta diversamente abile, oltre che "collega" di sci. «Ha sempre lavorato molto, anche prima di fare la sciatrice». Con in mano un omaggio floreale, una donna aggiunge: «Le aspettative sono state di gran lunga superate».

Atletica leggera al top - 12 delle 14 medaglie sono state vinte nell'atletica leggera, nove delle quali sono state vinte da due atleti che hanno già superato i 30 anni.

Tra le decine di persone ad attendere gli sportivi, c'era anche il padre di Marcel Hug. «È su una sedia a rotelle dalla nascita. Un'infermiera pediatrica disse che un giorno sarebbe diventato un atleta di punta. All'inizio non ci potevo credere, ma è sempre stato un ragazzino a cui piace muoversi. La premonizione si è avverata».

«Non ho davvero avuto il tempo di rendermi conto di quello che è successo», gli fa eco il figlio, forte dei quattro ori conquistati nell'atletica leggera, una volta atterrato. Per lui la calorosa accoglienza è semplicemente «una cosa fantastica». Ma non può cullarsi sugli allori. La prossima gara è infatti alle porte: «giovedì prossimo a Zurigo», commenta.

La piccola vincitrice - Tra gli atleti compare anche la 18enne Nora Meister, felicissima per il suo bronzo. «È stato molto emozionante», ammette. «È difficile descrivere come mi sento, ho sentito l'adrenalina per un bel po' di tempo. Certamente non mi aspettavo che venissero così tante persone, devo ancora capacitarmene», conclude spiegando che ora è tempo di pensare allo studio.

«Una bella sensazione» - Catherine Debrunner (oro 400 m, bronzo 800 m) è contenta che i suoi genitori e nonni l'abbiano raggiunta in aeroporto. «È una bella sensazione, cosa si può volere di più?». Quindi aggiunge. «Ho l'impressione che ci stiano notando di più rispetto al passato», prosegue l'atleta. «Spero che ciò possa essere utile per suggerire a tutti di tener duro e di porsi degli obiettivi». Anche per lei la medaglia è stata un'emozione unica: «Avevo la pelle d'oca, ho capito subito che avrei vinto, il momento è stato incredibile».

Anche secondo Manuela Schär l'interesse per le Paralimpiadi è in crescendo: «È tutto ancora un po' surreale. Spero che potremo motivare i giovani a fare sport».

«Motivatori ed esempio per tutti» - «Lavoro per Plusport e le medaglie significano molto per me», commenta un uomo che lavora per gli atleti. «È un enorme piacere collaborare con loro e spero che possano motivare le persone con disabilità a fare sport». Plusport offre la possibilità di praticare qualsiasi tipo di sport a persone con disabilità di fasce d'età differenti.

20minuten
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
4 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
5 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
6 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
9 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
9 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
11 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
12 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
12 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
20 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile