Tamedia
SVIZZERA
05.09.21 - 10:360
Aggiornamento : 15:03

Il Kosovo chiede aiuto ai calciatori svizzeri nella lotta alla pandemia

Il ministro della sanità pensa che i nostri giocatori con origini kosovare possano fare la differenza.

Arben Vitia è convinto che con la loro popolarità potrebbero convincere gli abitanti del Paese balcanico a farsi vaccinare. Anche se lo stesso Xhaka ha deciso di non vaccinarsi.

BERNA - Il ministro della sanità del Kosovo Arben Vitia auspica di ottenere il sostegno dei giocatori svizzeri di calcio con origini albano-kosovare nella lotta contro la pandemia di coronavirus. Essi potrebbero aiutare a convincere gli abitanti del Paese balcanico a farsi vaccinare.

«Sarei felice che i calciatori si impegnassero in una campagna di vaccinazione», ha dichiarato Vitia in un'intervista pubblicata alla SonntagsZeitung, forse dimenticandosi che lo stesso Granit Xhaka, capitano e tra i giocatori più rappresentativi della nazionale rossocrociata, non è vaccinato ed è risultato positivo al Covid qualche giorno fa. Ma altre personalità dovrebbero utilizzare la loro influenza.

Il ministro kosovaro ha lui stesso invitato i suoi compatrioti a farsi somministrare il vaccino. Il suo omologo svizzero Alain Berset aveva fatto lo stesso, venerdì, nel corso di un programma televisivo destinato a un pubblico albanofono.

«In situazioni straordinarie anche misure obbligatorie per le persone non vaccinate sono probabilmente necessarie», ha aggiunto Vitia. Ognuno deve capire che la pandemia può essere combattuta soltanto con la vaccinazione. Il Kosovo è stato l'ultimo Paese europeo a iniziare a vaccinare la popolazione il 15 giugno scorso. «Troppo tardi», secondo il ministro.

Situazione difficile - La situazione negli ospedali del Paese è difficile, ha sottolineato Vitia. Tuttavia il numero di letti negli ospedali è aumentato e il ministro della sanità ha ingaggiato 1'500 specialisti per far fronte alla situazione. Nel corso dell'ultima settimana, le ammissioni sono generalmente diminuite, «ma non possiamo però ancora tirare un sospiro di sollievo».

Alla fine delle vacanze estive, il numero di casi positivi di Covid-19 ha ricominciato a crescere. La Task force scientifica della Confederazione ha indicato a fine agosto che il 40% delle persone ospedalizzate sono state infettate durante le loro vacanze. Tra di esse, un numero superiore alla media ha fatto rientro da un soggiorno nei Paesi del sud-est dell'Europa.

I media hanno riferito a varie riprese anche di pazienti Covid-19 in Kosovo che erano arrivati nel Paese balcanico dalla Svizzera. Non si può dire che i kosovari siano in collera contro le persone che hanno trasportato il virus «nei bagagli». «Il coronavirus è dappertutto», ha sottolineato Vitia. Quest'ultimo deplora tuttavia che dei compatrioti non si siano fatti vaccinare in Svizzera, quando ne avevano la possibilità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Messi in quarantena per sbaglio
Viaggiatori che non provenivano da paesi a rischio hanno ricevuto un messaggio d'isolarsi ed evitare contatti
SVIZZERA
8 ore
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
9 ore
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
SVIZZERA
11 ore
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
SVIZZERA
12 ore
Ecco le nuove misure decise dal governo
Nuove restrizioni contro il Covid: è iniziata la conferenza stampa da Palazzo Federale. Segui la diretta
SVIZZERA
12 ore
I contagi in Svizzera rimangono sotto i 10mila
A livello nazionale il 75,03% della popolazione over 12 è completamente vaccinato
SVIZZERA/GERMANIA
13 ore
La Svizzera è nella black-list tedesca
La decisione di Berlino: quarantena di dieci giorni per i non vaccinati in arrivo dalla Confederazione
SVIZZERA
14 ore
Vaccinazione anti-Covid gratuita anche nel 2022, frontalieri compresi
Il Consiglio federale ha stabilito che le spese continueranno a essere assunte dall'assicurazione sanitaria obbligatoria
SVIZZERA
14 ore
L'obbligo di quarantena mette in ginocchio il turismo
L'appello del direttore dell'aeroporto di Zurigo: «Il Consiglio federale deve aggiustare rapidamente il tiro»
VALLESE
16 ore
Vuoi un vigneto in Vallese? Basta un franco
L'uva non è più redditizia e i coltivatori se ne disfano a prezzi simbolici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile