Screenshot
SVIZZERA
04.09.21 - 11:330
Aggiornamento : 15:51

L'appello di Berset dal programma albanofono: «Fatevi vaccinare»

Ospite del programma "Fol Shqip Show" ha ricordato che circa la metà delle recenti infezioni sia avvenuta all'estero.

Il Ministro della sanità invita però a non puntare il dito contro le persone provenienti dai Balcani: «Non sarebbe corretto designare soltanto un Paese o una regione».

BERNA - Il consigliere federale Alain Berset ha invitato a farsi vaccinare contro il Covid-19 in una trasmissione televisiva destinata al pubblico albanofono. Il ministro della sanità ha deplorato il fatto che circa la metà delle recenti infezioni sia avvenuta all'estero.

È tuttavia sbagliato stigmatizzare le persone provenienti dai Balcani, ha aggiunto. «Non sarebbe corretto designare soltanto un Paese o una regione», ha indicato Berset durante il programma d'intrattenimento "Fol Shqip Show" ("Parlate albanese" in italiano), di cui le testate svizzero-tedesche di Tamedia e il Blick hanno diffuso degli estratti sui loro portali online ieri sera.

È più importante trarre le dovute lezioni dalla situazione attuale affinché non si riproduca una seconda volta, ha proseguito il consigliere federale, aggiungendo che «la soluzione è semplice: farsi vaccinare». La vaccinazione è gratuita, consente di proteggere sé stessi e la propria famiglia e aiuta a uscire da questa situazione difficile. Un appello in tal senso ai cittadini di origini kosovare residenti in Svizzera era stato fatto negli scorsi giorni anche dalla presidente Vjosa Osmani, che aveva pure ricordato come non fosse compito del suo Paese vaccinare i connazionali che abitano su territorio elvetico

L'intervista, registrata mercoledì, sarà diffusa sul canale privato kosovaro RTV21. È stata condotta, in tedesco, dai presentatori Altin Marku e Marash Pulaj, che vivono in Svizzera. Su Youtube, la loro trasmissione è vista da milioni di albanofoni del mondo intero.

In Svizzera, la campagna di vaccinazione ha perso slancio prima delle vacanze estive. La Confederazione ha annunciato che intensificherà gli sforzi per incoraggiare le persone che non sono ancora state vaccinate a farlo.

Alla fine delle vacanze estive, il numero di casi di Covid-19 ha ricominciato a crescere in Svizzera. La Task force scientifica della Confederazione ha indicato a fine agosto che il 40% delle persone ricoverate in ospedale sono state contagiate durante le vacanze e che, tra queste, l'80% era stato in un Paese del sud-est dell'Europa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Princi 3 mesi fa su tio
povera svizzera abbiamo toccato il fondo
ivandaronch 3 mesi fa su tio
If you got nothing better to say, say nothing Mr Berset.
Boss 3 mesi fa su tio
privi di rispetto del prossimo
uriah heep 3 mesi fa su tio
Dobbiamo obbligare certe professioni a rischio e a contatto con pazienti e clienti a rischio , a vaccinarsi , altrimenti ritorniamo all’autunno 2020 e gli sforzi fatti da tutti i vaccinati e ai colpiti da COVID saranno resi vani !! 😩😩in Svizzera troppo blandi sui vaccini e troppa gente ignorante e scettica che non vuole farsi vaccinare ! In certi posti di lavoro obbligo a vaccinarsi , mi spiace !!
lollo68 3 mesi fa su tio
Ma non è lui che dal 4.8.21 ha tolto le quarantene per chi rientrava dall'estero?🤣
Xelle 3 mesi fa su tio
Era meglio imporre il pass, adesso noi vaccinati dovremmo ancora subire restrizioni a lungo e non ci sta più.
Fkevin 3 mesi fa su tio
Allora era meglio che stavi zitto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
5 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
6 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
8 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
10 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
11 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
13 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
13 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
14 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
22 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile