Immobili
Veicoli
20min/Matthias Spicher
SVIZZERA
03.09.21 - 23:400

«Abbiamo e-bike e scooter elettrici: ci servono ancora i motorini?»

Per taluni i mezzi a due tempi sono sinonimo di rumore e puzza, per altri è sono pura nostalgia

Fonte 20 Minuten / Lucas Orellano
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Per decenni soprattutto nelle zone rurali non si poteva fare a meno del suono prodotto dai motorini a due tempi. Erano soprattutto i più giovani a salire in sella ai Puch e ai Piaggio, anche perché l'autorizzazione a guidarli si ottiene già dai quattordici anni. Una scelta, questa, dettata dalla volontà - ai tempi - di facilitare l'accesso, nelle zone discoste, ai licei e alle scuole professionali. Nel 1970 in Svizzera si contava oltre mezzo milione di motorini. Praticamente il 10% della popolazione ne possedeva uno.

Un entusiasmo che in seguito è scemato con la crisi petrolifera e l'introduzione del casco obbligatorio. Anche la consapevolezza ambientale ha fatto la sua parte: i motorini a due tempi rientrano tra i mezzi più inquinanti, come mostrava uno studio del 2014. Per ogni litro di benzina, emette infatti più sostanze cancerogene che un'auto.

In Svizzera i motorini potrebbero ora scomparire del tutto? Un dibattito in tal senso lo ha avviato il granconsigliere bernese Casimir von Arx (Verdi liberali) con un'interpellanza indirizzata al Governo cantonale. «Già in passato i motorini erano rumorosi e inquinanti, ma spesso non c'erano alternative migliori» spiega il deputato. «Con l'avvento di e-bike e scooter elettrici, ora la situazione è diversa. Chiedersi se oggi abbiamo quindi ancora bisogno dei motorini a due tempi è in realtà una domanda retorica: la risposta è “no, non ci servono più”».

Von Arx non vuole bandire i motorini ancora presenti sul mercato, ma sostiene che non ha più senso autorizzare nuove immatricolazioni. «E chi guida ancore un mezzo che ha più di trent'anni, potrebbe ora considerare un'alternativa più moderna» afferma, spiegando di voler così avviare un dibattito sulla questione.

Nella sua risposta all'interpellanza, il Consiglio di Stato bernese sottolinea che una limitazione delle immatricolazioni o un divieto sono di competenza della Confederazione. E in ogni caso il numero di motorini a due tempi è stagnante. Inoltre si parla anche dell'aspetto nostalgico: «Anche se esistono alternative più ecologiche, per una parte della popolazione si tratta di un mezzo nostalgico». Per von Arx, anche lo scooter elettrico potrebbe però diventare un mezzo “cult”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRANCIA / SVIZZERA
8 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
13 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
17 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
18 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
20 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
21 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
21 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
21 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
22 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
1 gior
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile