Ti-Press
SVIZZERA
30.08.21 - 16:190

La maggioranza dei professionisti dello spettacolo sostiene l'uso del certificato Covid-19

Secondo un sondaggio il 58% è favorevole a rendere obbligatoria la misura dettata dal Consiglio federale.

Il 68% degli intervistati boccia però la «privatizzazione» dei test.

BERNA - L'obbligatorietà di utilizzare il certificato Covid-19 per diverse attività al chiuso - ventilata mercoledì scorso dal Consiglio federale - ha creato accese discussioni anche nella scena del teatro indipendente. L'Associazione di categoria - Professionisti dello spettacolo Svizzera, ha per questo deciso di lanciare un sondaggio tra i suoi membri, a cui hanno partecipato più di cinquecento tra organizzatori, agenzie, tecniche e tecnici, artiste e artisti. 

Secondo questo sondaggio, il 58% degli intervistati è favorevole a questo obbligo che considera «una misura efficace» per contenere l'aumento dei contagi. «La maggioranza dei nostri membri - sottolinea l'associazione in una nota - potrebbe accettare un certificato obbligatorio, mentre sono già numerosi gli organizzatori che già ora lo richiedono al loro pubblico». A non piacere al 68% degli intervistati è invece la «privatizzazione» dei test.

Pro... - I motivi in favore all'obbligo di mostrare il certificato - sostenuto dal 58% dei votanti - è che esso «fa chiarezza» e «crea una certezza giuridica» che si traduce in meno discussioni alla biglietteria. Il pubblico poi si sentirebbe più sicuro, mentre la gestione del bar sarebbe più semplice. Il certificato, poi, garantirebbe la possibilità di «tornare a riempire la sala» e motiverebbe gli appassionati alla vaccinazione.

...e contro - Le tesi opposte - promosse da un 42% dei professionisti del settore - sostengono invece che gli eventi culturali debbano «essere aperti a tutti» per non creare «una società a due classi». Il test a pagamento, poi, escluderebbe di fatto le persone non vaccinate. Secondo gli oppositori, poi, il certificato darebbe una «falsa impressione di sicurezza». Preoccupano poi il rischio di un «significativo calo di pubblico» e le difficoltà nei controlli che richiederebbero «troppo tempo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 3 mesi fa su tio
Ma la mascherina non proteggeva dai contagi? Forse c'è chi la tiene sotto il naso, chi usa la stessa da mesi o chi usa quella di stoffa che protegge di meno.
Tato50 3 mesi fa su tio
Bravi !!!!!!!!! No vax non entrax ;-))
Luca 68 3 mesi fa su tio
chiedo scusa a tutti quelli che mi hanno commentato, in effetti siete voi gli esperti, basta guardare le cifre. con più della metà della popolazione vaccinati i casi sono drasticamente diminuiti. per fortuna ci sono esperti come voi
Luca 68 3 mesi fa su tio
i vaccinati possono contagiare anche loro, il greanpas da solo l'illusione di sicurezza, il virus diventerà resistente ai vaccini perché muterà tra i vaccinati. tra qualche mese forse si capirà che tutti devono stare attenti, vaccinati e non, il libero tutti con greanpas peggiorerà la situazione
Dantissimo 3 mesi fa su tio
@Luca 68 postula per la task force, con le tue conoscenze ti assumono in un batter d'occhio!
emib53 3 mesi fa su tio
@Luca 68 Ci sono studi che dicono che la contagiosità dei vaccinati è minore e dura meno. Ciò è logico se si pensa che il sistema immunitario si attiva subito e impedisce un'alta carica virale. Le mutazioni avvengono comunque, ma in particolare dove c'è una più alta concentrazione di virus. Altra cosa è il mantenere le misure di protezione, anche per rispetto degli altri. La situazione sta peggiorando perché la variante delta è molto più contagiosa e molti credono che la pandemia sia già finita. Non vedo perché poi la collettività dovrebbe assumersi i costi nel caso uno voglia fare una serata fuori o fare un week end da qualche parte.
Avetesempreragionevoi 3 mesi fa su tio
@Luca 68 Ma tu da dove salti fuori..? Di cosa ti occupi? Certo che se tutti i No-vax hanno le idee confuse come te capisco tante cose. 1 nessuno ha mai detto che i vaccinati non si ammalano o non sono contagiosi 2 è assodato che se non sei vaccinato e vieni a contatto con il virus, hai maggiore possibilità di ammalarti in forma più grave. La dimostrazione è nel fatto che oltre il 90% dei ricoverati sono non vaccinati. 3 bisogna evitare il sovraffollamento degli ospedali per evitare che ci rimetta chi ha altre patologie. Mia considerazione personale, non ho mai augurato male a nessuno ma mi piacerebbe che chi è contro il vaccino per il COVID 19 si ritrovi a non poter essere sottoposto ad un intervento chirurgico di cui ha bisogno perché le terapie intensive sono completamente occupate dai malati di COVID non vaccinati. Forse si renderebbe finalmente conto che in questo momento essere egoisti è un danno per tutta la popolazione.
Bibo 3 mesi fa su tio
@Luca 68 Al momento, le varianti che girano (Inglese, Indiana, Brasiliana, Sudafricana) sono tutte apparse prima dell'inizio delle vaccinazioni, il virus muta a prescindere del vaccino, lo fa per sopravvivere.
Giuggiola83 3 mesi fa su tio
@Luca 68 infatti è quello che penso anche io sinceramente. come fa a scrivere che si sentirebbe più sicuro il pubblico? io non la penso cosi. magari un non vaccinato per andare ad uno spettacolo ha fatto il tampone quindi è quasi sicuro non contagioso, ma se un vaccinato invece lo è ?? no, dire che ci si sente più al sicuro secondo me non è vero
Giuggiola83 3 mesi fa su tio
@Avetesempreragionevoi devo dire che ciò che auguri è proprio brutto...... questo covid sta creando più persone cattive che malati di esso.
Giuggiola83 3 mesi fa su tio
@Giuggiola83 non ne sono convinta. hanno testato eventi con 4000 persone tutte testate, ne sono usciti forse 3 positivi - ospedalizzazioni ZERO. se in un evento con 4000 persone fossero tutti vaccinati ma non testati, quindi con la possibilità di essere infetti, magari ne uscirebbero 200 infetti (il 5%) e magari 3 ospedalizzati. pertanto non credo sia LA SOLUZIONE.
Duca72 3 mesi fa su tio
Un passo alla volta si arriva al traguardo!
Fkevin 3 mesi fa su tio
Non mi piace dirlo, ma quando ci sono situazioni di prima e seconda classe, auguro una perdita di entrate a chi vuole il certificato covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
3 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
4 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
5 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
BASILEA CITTÀ
7 ore
Studente contagiato da Omicron, 100 persone in quarantena
Uno dei primi due casi di Omicron accertati in Svizzera è stato rilevato a Basilea, al ginnasio Kirschgarten.
ZUGO
7 ore
Distrugge uno spartitraffico e scappa
I danni dell'incidente avvenuto ieri sera allo svincolo autostradale di Rotkreuz ammontano a diverse migliaia di franchi
SVIZZERA
9 ore
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
9 ore
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
10 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Friborgo
19 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile