tipress
ZURIGO
29.08.21 - 23:320
Aggiornamento : 30.08.21 - 08:52

I vaccinati iniziano a perdere la pazienza

Finora, la politica non ha voluto puntare il dito contro gli scettici sul vaccino.

Qualcosa però sta iniziando a cambiare, complici l'aumento dei positivi e dei ricoveri in ospedale.

ZURIGO - I medici di terapia intensiva sono nuovamente alla ricerca di posti letto disponibili per i pazienti Covid, i politici discutono per applicare misure più severe, e il ministro della Sanità Alain Berset teme una nuova ondata.

Insomma, uno scenario già visto, con una sostanziale differenza. Oggi, infatti, il vaccino è disponibile in enormi quantità. Ma molti svizzeri lo evitano, sia perché non si fidano, sia perché non vedono in esso alcun vantaggio.

Per evitare una spaccatura nella società, i politici sono stati finora riluttanti a criticare gli scettici sui vaccini. Tre settimane fa - ricorda oggi il Blick -, Berset ha definito «bizzarro» il dibattito sull'ampliamento del certificato Covid. L'intenzione era chiara: non voleva mettere inutilmente sotto pressione i non vaccinati per paura che questo potesse rivelarsi controproducente.

Cambio di rotta - Ma la situazione sta cambiando. I positivi aumentano e sono soprattutto i ricoveri a preoccupare. Nove pazienti su dieci con coronavirus nelle unità di terapia intensiva non sono vaccinati.

Le parole del presidente della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS) Lukas Engelberger sono indicative del cambio di rotta: «Abbiamo servito la vaccinazione su un piatto d'argento. Ora tocca ai cittadini sfruttare questa opportunità. Se non lo fanno danneggiano loro stessi e la società».

Anche Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sembra aver perso la pazienza. In risposta a chi sostiene che gli ospedali non siano mai stati sovraccarichi ha dichiarato con tono insolitamente tagliente: «Certo che erano sovraccarichi!». Per aggiungere subito dopo: «Questo non significa che le persone morivano davanti all'ospedale. Il sovraccarico significa che entriamo in una situazione in cui non si è più in grado di offrire la totalità dei servizi».

Per prevenire situazioni simili, il Consiglio federale vuole utilizzare più ampiamente il certificato Covid. Solo coloro che sono stati vaccinati, guariti o testati possono accedere a ristoranti, cinema, teatri o centri fitness. Così come già si pratica nei paesi vicini. 

Vaccinati arrabbiati - Il cambiamento di umore tra le autorità non è una coincidenza: riflette sostanzialmente solo lo stato d'animo della popolazione. A testimoniarlo è il direttore sanitario ginevrino Mauro Poggia, arrivato addirittura a suggerire di far pagare la degenza in ospedale ai pazienti positivi non vaccinati: «Nei mesi scorsi, ogni volta che pubblicavo un articolo scientifico sui social, a commentare erano quasi esclusivamente no-vax. Ed erano anche molto aggressivi», sottolinea. 

Qualcosa ora è cambiato. «Oggi a commentare sono sempre più persone che contraddicono pubblicamente chi si oppone alla vaccinazione». Per Poggia, insomma, i vaccinati stanno perdendo la pazienza. «La gente sta notando che il ritorno alla normalità è stato ritardato dagli scettici sui vaccini».

Dello stesso parere è il medico cantonale di Basilea Thomas Steffen: «La gente sta iniziando a dirsi: "per non trascinare oltre questa situazione mi faccio vaccinare, altrimenti non migliorerà mai», sottolinea.

Eppure uno zoccolo duro di scettici sul Coronavirus continua a mobilitarsi contro la vaccinazione. Basti guardare le diverse centinaia di corona-scettici che sabato si sono dati appuntamento a Bellinzona per protestare contro le misure messe in atto per contenere la pandemia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
38 min
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
3 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
3 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
5 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
6 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
6 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
14 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
16 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
20 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
1 gior
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile