Keystone (archivio)
Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni.
SVIZZERA
29.08.21 - 10:490
Aggiornamento : 16:34

Certificato Covid: «Estensione immediata. Non possiamo più aspettare»

Per Christoph Berger della Commissione federale per le vaccinazioni svantaggiare i non vaccinati sarebbe «legittimo».

A suo parere andrebbe inoltre valutato l'obbligo del Certificato anche per infermieri, insegnanti e camerieri.

BERNA - Il presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) Christoph Berger auspica l'introduzione immediata dell'obbligo del Certificato Covid per entrare in ristoranti, cinema, teatri e partecipare a piccoli eventi. «Bisogna estendere l'obbligo subito. È inevitabile, non possiamo aspettare ancora», ha sostenuto in un'intervista alla "SonntagsZeitung".

«Un po' di pressione» - Il sistema sanitario è ormai vicino al sovraccarico, secondo Berger, e servono misure più incisive contro la quarta ondata e «un po' di pressione» sulle persone non vaccinate perché si lascino immunizzare di modo che si possano evitare misure peggiori. Berger, che è anche co-responsabile del Dipartimento di infettivologia ed igiene ospedaliera all'Ospedale universitario pediatrico di Zurigo, considera degno di riflessione anche un obbligo di Certificato per chi svolge mestieri a forte contatto sociale quali infermieri, insegnanti e camerieri.

Cantoni a favore - Il Consiglio federale ha lanciato mercoledì una consultazione presso i Cantoni circa un'estensione dell'obbligo del Certificato; i direttori cantonali della sanità sono in gran parte favorevoli. Il governo non ha ancora fissato una data per l'entrata in vigore della misura.

Svantaggi ai non immunizzati - Il presidente della CFV è invece contrario a un obbligo di vaccinazione per determinati gruppi: «Si andrebbe troppo oltre». Egli considera tuttavia giustificato svantaggiare chi non è immunizzato: «in una situazione in cui si rischia danni importanti quali il sovraccarico del sistema sanitario ciò è legittimo».

Più vaccinati - Per tornare a una certa normalità Berger punta a un tasso di vaccinazione più elevato, citando paesi come Spagna, Portogallo e Gran Bretagna, dove la quota delle persone che hanno completato il ciclo è del 70-80%. «Bisogna verosimilmente raggiungere questo ordine di grandezza - come tra gli ultraottantenni in Svizzera, che ormai non vengono quasi più ricoverati per il Covid -, per mettere fine allo spauracchio del Coronavirus e poter trattare le infezioni come un'ondata d'influenza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
23 min
Certificati Covid: un altro problema tecnico
Al momento non è possibile l'emissione di nuove attestazioni
SONDAGGIO
ZURIGO
31 min
I furbetti dei rimborsi spese abbondano in Svizzera
Circa un terzo dei lavoratori ha fatto pagare un pasto privato alla propria ditta.
SVIZZERA
1 ora
Il trasporto pubblico non aumenta i prezzi
L'obiettivo: riconquistare gli utenti persi durante i mesi della pandemia
SVIZZERA
1 ora
Carlos legato al letto, tre psichiatri alla sbarra
Il detenuto ha portato davanti al giudice i medici per un trattamento subito quando aveva 15 anni
SVIZZERA
3 ore
«I vaccinati rompano il silenzio»
Più voci ritengono che la minoranza non possa più dettare il ritmo della crisi sanitaria
BERNA 
3 ore
Più caro, ma ci dura oltre 4 anni
Stiamo parlando dello smartphone. L'iPhone rimane l'apparecchio più impiegato, davanti a quelli di Samsung.
SVIZZERA
5 ore
Obbligo di Certificato Covid al lavoro? Per ora in Svizzera è un unanime «anche no»
Datori, dipendenti, politica ed esperti elvetici non entusiasti per una misura che in Europa inizia a far parlare
ZURIGO
5 ore
Non sei vaccinato? Il tuo bonus sarà più basso
Una società di sicurezza ha deciso di concedere premi maggiori a chi si è immunizzato.
SONDAGGIO TAMEDIA
7 ore
Dalla pandemia alla giustizia: come voterai il prossimo 28 novembre?
Mancano poche settimane alle votazioni federali. Partecipa al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
ZURIGO
17 ore
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile