Keystone (archivio)
SVIZZERA
28.08.21 - 10:500

Test a scuola: «È compito dei Cantoni proteggere i bambini»

Secondo il ministro della sanità Alain Berset si tratta solo di «una questione organizzativa della scuola».

Non si può, ha aggiunto, sempre lodare il federalismo e poi lanciare appelli al Consiglio federale.

BERNA - Il consigliere federale Alain Berset ritiene che la protezione dei bambini dal Coronavirus sia compito dei Cantoni, in quanto la scuola è di responsabilità di questi ultimi. La Confederazione - ha detto durante la trasmissione "Arena" della televisione svizzerotedesca SRF - ha emesso chiare raccomandazioni, ad esempio test di massa a intervalli regolari.

Per poter controllare i focolai bisogna effettuare regolarmente e dovunque test nelle scuole: a questo proposito i Cantoni devono fare di più. Se il virus circola meno, ha ricordato Berset, circola meno anche per i ragazzi di meno di 12 anni che al momento non possono farsi vaccinare.

Non si può sempre lodare il federalismo e poi, in determinati casi, lanciare appelli al Consiglio federale, ha criticato il ministro della sanità. Per le scuole sono responsabili i Cantoni.

In materia di test vi sono grandi differenze tra di essi. Ma ora i Cantoni si sono accorti che la situazione è più seria di quanto pensato alcune settimane o alcuni mesi fa. È solo «una questione organizzativa della scuola», i test ripetitivi continuano ad essere finanziati dalla Confederazione. Quanto al ricorso ad equipaggiamenti tecnici quali filtri e apparecchi per la misurazione della qualità dell'aria, Berset ha appellato alla responsabilità dei singoli istituti.

Nella lotta contro il nuovo aumento dei contagi i direttori cantonali della sanità stanno attualmente discutendo dell'obbligo delle mascherine nelle scuole, aveva spiegato giovedì davanti ai media il presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS) Lukas Engelberger. Anche lui considera i test di massa utili per scoprire infezioni. I test salivari non vengono attualmente condotti in tutto il Paese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 min
Un altro effetto del virus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
46 min
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
2 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
4 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
5 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
7 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
7 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
8 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
16 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
18 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile