keystone
BERNA
26.08.21 - 17:500

Quattro milioni dosi AstraZeneca a Covax

Acquistate dalla Confederazione, non sono mai state approvate dalle competenti autorità.

Per questo è stato deciso di fare una donazione a Covax, l'iniziativa internazionale che punta a una distribuzione equa dei vaccini.

BERNA - Nelle prossime settimane quattro milioni di dosi del vaccino anti-coronavirus di AstraZeneca, acquistate dalla Svizzera, potranno essere fornire all'iniziativa di aiuto Covax. L'iter burocratico è terminato, ha comunicato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

La Confederazione ha acquistato 5,4 milioni di dosi, che però non sono mai state approvate dalle competenti autorità per l'utilizzo in Svizzera. Per questo è stato deciso di fare una donazione a Covax, l'iniziativa internazionale che punta a una distribuzione equa dei vaccini.

Dopo il necessario iter burocratico, il via libera definitivo è infine arrivato, ha detto l'UFSP all'agenzia Keystone-ATS, confermando informazioni pubblicate dal "Tages-Anzeiger". Le rimanenti 1,4 milioni di dosi vengono tenute come riserva.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Giuggiola83 3 mesi fa su tio
Come mai non è stato approvato in Svizzera? in paesi si?
F/A-19 3 mesi fa su tio
@Giuggiola83 Sarà che il nostro sistema sanitario è serio e selettivo, in altri paesi più permissivi la prendono un po’ sotto gamba.
Liberatecidalpotere 3 mesi fa su tio
80'000'000.- di franchi buttati via e poi uno dovrebbe fidarsi di questi incompetenti. Adesso non ci sono più soldi per i tamponi. Se un padre di famiglia gestisci la sua economia domestica come questi gestiscono un paese viene messo in carcere e gli portano via i figli perché non sono più al sicuro.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
9 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
9 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
12 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
15 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
15 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
15 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
16 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
18 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile