Deposit (immagine illustrativa)
SVIZZERA
26.08.21 - 14:470

Depistaggio Covid-19, il Governo ha preferito i certificati ai cani

Benché i primi risultati siano promettenti, i nostri amici a quattro zampe non verranno usati per fiutare la malattia.

Lo studio portato avanti dall'Università di Ginevra ha rivelato un tasso di precisione del 90%.

BERNA - Difficilmente si vedranno in un futuro prossimo cani addestrati a fiutare le persone contagiate dal Covid-19. Benché i primi risultati siano promettenti, gli studi al riguardo eseguiti all'università di Ginevra sono ancora in corso. Il Consiglio federale preferisce affidarsi ai certificato Covid. Lo scrive lo stesso governo in risposta a un'interpellanza di Isabelle Moret (PLR/VD).

Forte d'informazioni diffuse dallo stesso esecutivo, la consigliera nazionale vodese sostiene che diversi studi evidenziano un tasso di precisione del 90% con questo metodo di rilevamento del virus. Benché consapevole di simili risultati, il Consiglio federale non è però disposto a introdurre un tale sistema di rilevamento nella sua prossima strategia antipandemica.

Non solo lo studio condotto dall'ospedale universitario di Ginevra non è ancora terminato ma, in seguito all'evoluzione positiva della situazione epidemiologica, «l'esiguo numero di nuove infezioni non ha permesso di valutare il grado di riuscita con cui i cani rilevano i portatori del virus SARS-CoV-2».

Oltre a ciò, la mancanza sia di cani già addestrati che di conduttori necessari per la loro formazione, che richiede molto tempo (diverse settimane), rappresenta un ostacolo al loro impiego in occasione di una grande manifestazione o in un aeroporto.

Alla luce di simili considerazioni, sebbene i risultati preliminari non ancora pubblicati siano incoraggianti, l'impiego dei cani da fiuto non sarà integrato nella prossima strategia di test, scrive l'esecutivo. Saranno insomma favoriti altri approcci, in particolare l'utilizzo del certificato Covid.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Moga 1 mese fa su tio
Beato chi crede a certe ca22ate
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NEUCHÂTEL
1 ora
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
2 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
5 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
14 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
15 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
16 ore
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
GINEVRA
18 ore
Donna uccisa a colpi di pistola
Il corpo è stato trovato questa mattina in un'abitazione di Vandoeuvres, nel Canton Ginevra. Marito in manette
SVIZZERA
19 ore
Certificato dei guariti, una strategia di Berna in vista del voto?
I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.
FRIBORGO
21 ore
Scuola elementare vandalizzata da due 14enni
I danni superano i 100mila franchi. I due autori verranno denunciati al Tribunale dei minorenni.
SVIZZERA
21 ore
«Non è la vaccinazione a dividerci, è la pandemia»
Conferenza stampa con Alain Berset e Lukas Engelberger. Tra i temi trattati, la settimana nazionale di vaccinazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile