Immobili
Veicoli
Tipress (archivio)
SVIZZERA
23.08.21 - 21:000
Aggiornamento : 23:04

Long Covid degli orrori: il 20% non riesce più a lavorare

Il 28%, secondo un recente studio, ha invece ricorso a una riduzione del grado di occupazione.

La maggior parte non aveva patologie pregresse. Quattro malati su cinque sono donne.

BERNA - Ne sono affetti in tanti. Secondo uno studio dell’Università di Zurigo, circa il 25% dei contagiati. Per l’Università di Ginevra, addirittura il 39%. È il cosiddetto Long Covid. E un nuovo studio condotto dall’associazione Long Covid Svizzera tenta di far luce sul problema, ricostruendo il profilo di chi ne soffre e le problematiche che deve affrontare nella vita di tutti i giorni. 

I più sono adulti, ma ci sono anche bambini e ragazzi - Il sondaggio è stato condotto tra marzo e aprile di quest’anno su 400 persone con sintomi persistenti post-Coronavirus. Tra i più frequenti: stanchezza costante, problemi di memoria e concentrazione, problemi di respirazione, mal di testa, disturbi del sonno, dolori muscolari e perdita di odorato o gusto. Tre interrogati su quattro hanno tra i 30 e i 60 anni, e l’80% è di sesso femminile. Hanno partecipato allo studio anche quattro bambini sotto i 12 anni e cinque adolescenti tra i 13 e i 19. 

Condizioni preesistenti - Oltre la metà di chi soffre del virus sul lungo termine, secondo i risultati dello studio, non aveva alcuna patologia pregressa. È però interessante osservare che il 23% era già affetto da allergie, mentre l’11% di problemi polmonari. 

Il lavoro - Quando si sta male, è difficile lavorare. Lo sanno bene i malati di Long Covid. Un partecipante allo studio su cinque si trovava infatti, al momento del sondaggio, impossibilitato al lavoro, e dunque in congedo malattia. Il 28% ha invece dichiarato di aver ridotto il proprio grado di occupazione, di cui la maggior parte drasticamente, tra il 31 e il 50%. 

A casa - Sono in molti a essere limitati anche nel proprio tempo libero, la metà in maniera parziale, un quarto gravemente. Il 7% ha addirittura dichiarato di avere bisogno di cure o di supporto esterno: «Le energie sono spesso non più sufficienti per le faccende domestiche quotidiane», si legge nel bilancio finale dello studio. E, rispetto alla sfera ricreativa: «I deficit cognitivi rendono difficile o impossibile prendere parte ad attività creative, ma anche dedicarsi alla lettura o alla visione di un film».

Lo sport - La stragrande maggioranza di chi porta ancora con sé degli strascichi del virus, l’85%, è infine impossibilitato o limitato nel praticare sport e allenarsi. Questo perché lo sforzo fisico può portare a un’acutizzazione dei sintomi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
6 ore
Il 2G in pista non ferma gli sciatori
La regola vale nel comprensorio internazionale di Samnaun. E le presenze non mancano
ZURIGO
7 ore
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
ZURIGO
11 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BERNA
13 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
SVIZZERA
16 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
16 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
16 ore
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
FOTO
SVIZZERA
20 ore
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
1 gior
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile