Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (BUNDESWEHR / MARC TESSENSOHN / H)
Persone in fuga all'aeroporto di Kabul.
SVIZZERA
20.08.21 - 12:260
Aggiornamento : 15:02

Quei cittadini elvetici in Afghanistan che dovranno pagarsi il rimpatrio

Sono ancora 30 gli svizzeri nel paese, malgrado le raccomandazioni del Dfae, e la Confederazione li sta cercando

Fonte 20 Minuten/Claudia Blumer
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

BERNA - Sarebbero una trentina i cittadini svizzeri in Afghanistan che Berna sta attivamente cercando affinché vengano rimpatriati.

Si tratta di privati che si sono recati nel Paese per motivi personali - affari, turismo oppure in missione umanitaria -, recatisi nel Paese anche se «l'Ufficio Federale degli affari esteri avverta da tempo che si tratta di una meta a rischio», ha confermato questa settimana il portavoce del Consiglio Federale.

Stando a 20 Minuten, proprio la questione della responsabilità individuale a fronte di un avviso da parte del Dfae che è in vigore sin dal 1998, potrebbe permettere alla Confederazione di battere cassa e chiedere una partecipazione alle spese per un eventuale rimpatrio al diretto/a interessato/a.

A fare testo è la Legge sugli svizzeri all'estero che riporta: «Ogni persona è responsabile della preparazione e dello svolgimento di un soggiorno all'estero o dell'esercizio di un'attività all'estero». Il fatto che l'Afghanistan sia da 23 anni a questa parte ritenuto un Paese «non sicuro» potrebbe quindi essere considerata una negligenza da parte del viaggiatore.

Negligenza che subentrerebbe visto che si verifica - sempre citando la legge - «se una persona non ha tenuto conto delle raccomandazioni della Confederazione, in particolare dei consigli di viaggio e delle raccomandazioni ufficiali del Dfae».

A quanto potrebbe ammontare la fattura? Al momento il Dipartimento non si sbilancia: «Nulla è ancora stato stabilito», conferma il portavoce Valentin Clivaz. In questi casi vengono fatti solitamente valere i prezzi di mercato tenendo conto delle tariffe dei voli di linea (quindi attorno ai 1'000 franchi) o almeno questo è stato il caso durante i rimpatri legati all'emergenza Covid. 

La cifra potrebbe essere ritoccata verso l'alto, viste le complicazioni logistiche e la situazione molto difficile all'aeroporto di Kabul, o verso il basso tenendo conto dell'eccezionalità e imprevedibilità della situazione. In questo senso, conclude 20 Minuten, «il Dfae ha un certo potere discrezionale».

Tutti quelli che sono già stati rimpatriati

Al momento tutti gli svizzeri in Afghanistan in missione ufficiale hanno già lasciato il Paese. Come confermato mercoledì dal Consiglio Federale si sta valutando se e in che modo rimpatriare il personale afghano che ha lavorato per la Confederazione. Il timore - condiviso con le ambasciate di diversi altri paesi - è per la loro incolumità, visto che potrebbero essere considerati alla guisa di “collaborazionisti“ dai talebani.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
2 ore
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
VALLESE
3 ore
Il Vallese toglie l'obbligo di mascherina a scuola
Si parte dalle elementari, seguiranno gli studenti delle medie. Altri annunci sono attesi «nelle prossime ore o giorni»
SVIZZERA
4 ore
Simboli nazisti: «La leggerezza si è diffusa»
I consiglieri nazionali del PS e del centro chiedono il divieto di simboli come la svastica e il saluto nazista.
FOTO
SCIAFFUSA
5 ore
Finisce nell'altra corsia, il frontale gli è fatale
Un 77enne è deceduto ieri tra Sciaffusa e Bargen
BERNA 
6 ore
«Il ruolo delle aziende per la salute è sottovalutato
È quanto rileva un'analisi del "think tank" liberale Avenir Suisse
SONDAGGIO TAMEDIA
6 ore
Dagli esperimenti sugli animali al tabacco: come voterete il 13 febbraio?
A breve ci esprimeremo su quattro temi federali. Partecipate al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
SVIZZERA
13 ore
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
15 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
17 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
18 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile