Unsplash (immagine illustrativa)
SVIZZERA
17.08.21 - 22:060
Aggiornamento : 23:36

«Se gli studenti non sono vaccinati o testati, io non tengo lezioni in presenza»

Lo annuncia su Twitter un professore dell'Università di Basilea. Nelle aule la protezione sarebbe insufficiente

Fonte 20 Minuten / Gabriela Graber
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BASILEA - «Fintanto che nelle aule saranno ammessi studenti non vaccinati e non testati, all'università non proporrò lezioni in presenza». Lo ha scritto lunedì su Twitter Dominique de Quervain, professore di neuroscienze cognitive all'ateneo basilese.

Il docente teme infatti un aumento dei contagi tra gli studenti: «La Confederazione permette lo svolgimento di lezioni con cinquecento o più presenze in aula poco ventilate, senza certificato Covid, senza distanziamenti e soltanto con mascherine di stoffa» spiega. E allo stato attuale soltanto la metà degli studenti è vaccinata, nonostante la loro fascia d'età sia maggiormente interessate dai nuovi contagi.

Da qui anche il timore che le conseguenze del Long Covid si facciano strada tra gli studenti: «Per loro potrebbero rappresentare un problema soprattutto i sintomi neurologici a lungo termine, quali l'affaticamento, la mancanza di concentrazione e di memoria» scrive ancora su Twitter. Per questo motivo, fino a nuovo avviso le sue lezioni avranno luogo online.

Il sostegno di docenti e studenti - La decisione del professore trova il sostegno di diversi docenti e studenti. «Non posso che dirmi d'accordo, Farò lo stesso. Qualsiasi altra decisione è irresponsabile e non giustificabile» scrive per esempio Andreas Papassotiropoulos, professore di neuroscienze molecolari all'ateneo basilese. De Quervain sarebbe stato contattato anche da altri docenti che non vogliono proporre lezioni in presenza. E si osserva preoccupazione pure tra gli studenti: «Alla fine di agosto inizia il mio Master of Advanced Studies alla ZHAW. Vorrei che i miei docenti facessero lo stesso» scrive l'utente Felix Huber.

Tuttavia altri mettono in guardia sui rischi dell'insegnamento a distanza per la psiche degli studenti: «Era proprio quello che si temeva. Ci vogliono un tasso di vaccinazione più elevato e requisiti più chiari per accedere alle aule universitarie, in modo che gli studenti in Svizzera non passino un quarto semestre da soli davanti allo schermo» afferma Theres Luethi, giornalista della NZZ am Sonntag.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
4 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
4 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
7 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
7 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
9 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
9 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
10 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
12 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile