Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
11.08.21 - 11:360

«Il Parlamento sblocchi il miliardo di coesione»

Il Consiglio federale intende in questo modo proseguire la via bilaterale: «Fa parte dell'agenda di politica europea.

BERNA - Il Parlamento è formalmente invitato a sbloccare il secondo contributo svizzero al fondo di coesione europeo, pari a 1,3 miliardi di franchi su dieci anni. Oggi il Consiglio federale ha trasmesso un messaggio in questo senso alle Camere, precisando che compiere questo passo fa parte della sua agenda di politica europea e che in tal modo intende proseguire la via bilaterale.

Il Parlamento aveva già approvato il contributo il 3 dicembre 2019, aggiungendo però una clausola: il versamento diverrà effettivo solo quando l'Unione europea (UE) ritirerà le misure discriminatorie nei suoi confronti, come la mancata proroga dell'equivalenza borsistica. E, soprattutto, se non ne adotterà di nuove.

Lo scorso 4 giugno il governo aveva chiesto alle Camere di revocare tale clausola. Con il contributo di coesione il Governo affermava di voler «sottolineare, in seguito alla decisione di porre fine ai negoziati sull'accordo istituzionale, che la Svizzera rimarrà un partner affidabile dell'UE».

Nel messaggio adottato oggi, l'Esecutivo chiede al Parlamento di abrogare la condizione introdotta nel dicembre del 2019 e di sbloccare finalmente il contributo. Il tema, aggiunge il Governo, sarà trattato dalle Camere il più presto possibile.

Con una soluzione rapida di questo dossier, il Consiglio federale vuole dare un nuovo impulso alla dinamica nelle relazioni con l'UE dopo la fine dei negoziati su un accordo istituzionale, spiega in una nota. Berna intende avviare un processo che, «nell'ottica del proseguimento della via bilaterale, dovrebbe consentire di realizzare progressi anche in altri dossier con l'UE».

Infine, lo sblocco conferma che Berna rimane un partner affidabile di Bruxelles, precisa il Consiglio federale, garantendo che continuerà a impegnarsi affinché la Svizzera non sia discriminata dall'UE e non sia trattata diversamente da altri Paesi terzi, in particolare nel quadro di procedure di equivalenza.

Un rapido versamento è importante anche perché i fondi del credito quadro «coesione» devono essere impegnati entro cinque anni, ossia entro il 3 dicembre 2024, visto che la base giuridica del credito quadro è limitata fino alla fine del 2024, ricorda ancora il Governo. L'esperienza maturata con il primo contributo elvetico, quello all'allargamento, ha mostrato che sono necessari almeno tre anni per impegnare i fondi. Quindi: più tardi verrà sbloccato il secondo credito, meno tempo ci sarà per impegnarli interamente.

Per un'attuazione efficiente del secondo contributo l'Esecutivo punta a concludere un memorandum d'intesa (giuridicamente non vincolante) con l'UE. In termini di contenuti, questo servirà come base per la conclusione degli accordi di attuazione bilaterali con gli Stati partner nei quali, tra gli altri punti, vengono concordate le priorità specifiche ai Paesi per l'attuazione del contributo.

Il secondo contributo elvetico, insieme alle competenze della Svizzera, contribuirà a ridurre le disparità economiche e sociali e a migliorare la gestione dei flussi migratori in alcuni Stati membri dell'UE.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 5 mesi fa su tio
Ma anche NO!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
2 ore
900 email da una cinquantina di indirizzi diversi: condannata una giovane stalker
La donna aveva preso di mira il suo ex e una sua insegnante nell'arco di diversi anni.
BERNA
4 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
6 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
8 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
10 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
11 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
12 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
13 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
14 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
18 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile