Depositphotos (foto d'archivio)
SVIZZERA
10.08.21 - 14:400

Aria più pulita? Il lockdown ha fatto poco

I valori limite per l'ozono sono stati superati anche nel 2020. È diminuito invece l'inquinamento da biossido d'azoto

BERNA - Le misure anti-pandemiche e la relativa riduzione del traffico stradale hanno leggermente migliorato la qualità dell'aria nel 2020, ma i valori limite per l'ozono sono comunque stati di nuovo superati, e quelli per il particolato almeno al sud delle Alpi.

Al contrario dell'anno precedente, perlomeno i valori limite per il biossido di azoto sono stati rispettati nei siti di misurazione vicino alle strade. Per il resto, il rapporto sulla qualità dell'aria 2020 dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) non differisce quasi per niente da quello del 2019.

Le raccomandazioni rimangono di conseguenza letteralmente le stesse: il proseguimento di una politica coerente di controllo dell'inquinamento atmosferico è indispensabile per eliminare in modo durevole le immissioni eccessive. In particolare ammoniaca, ossidi di azoto, composti organici volatili, particolato e sostanze cancerogene come fuliggine da diesel, benzo(a)pirene e benzene. Secondo il rapporto le possibilità tecniche di ridurre tali emissioni dovrebbero essere esaurite per tutte le fonti.

L'inquinamento da biossido di azoto è diminuito nel 2020 soprattutto durante le due fasi pandemiche in primavera e in autunno, ma nettamente più nella prima che nella seconda. La riduzione non è però stata così forte come la diminuzione del volume di traffico dovuta al confinamento e al lavoro da remoto, nota l'UFAM. Inoltre non solo il minor volume di traffico, ma anche le condizioni meteorologiche, ad esempio la forza del vento, sono state determinanti per le basse concentrazioni rilevate da metà marzo del 2020.

Le indagini dettagliate del Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca (Empa) hanno mostrato che circa la metà della diminuzione della media annuale era da attribuire alle misure di confinamento contro il SARS-CoV-2, l'altra metà al calo generale delle concentrazioni. Lontano dalle strade, l'influenza delle restrizioni per il Covid-19 è comunque molto più bassa, poiché la maggior parte delle altre fonti inquinanti - come il riscaldamento, l'industria, il commercio o l'agricoltura - non mostrano quasi nessuna riduzione.

Come già l'anno scorso, l'UFAM conclude che «l'inquinamento dell'aria in Svizzera è stato significativamente ridotto dalla metà degli anni '80». Ciò grazie alle misure per diminuire le emissioni in Svizzera e in altri paesi europei. Secondo il rapporto, i risultati delle misurazioni della Rete nazionale di monitoraggio degli inquinanti dell'aria (NABEL) dimostrano il successo della politica di controllo della qualità dell'aria condotta fino ad oggi da Confederazione, Cantoni e Comuni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Blobloblo 2 mesi fa su tio
I pazienti Covid occupano l’1,3% della capacità ospedaliera nazionale!!!! 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂 Siamo vicini al collasso!!!! Dai un altro lockdown!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NEUCHÂTEL
1 ora
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
2 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
5 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
14 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
15 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
16 ore
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
GINEVRA
18 ore
Donna uccisa a colpi di pistola
Il corpo è stato trovato questa mattina in un'abitazione di Vandoeuvres, nel Canton Ginevra. Marito in manette
SVIZZERA
19 ore
Certificato dei guariti, una strategia di Berna in vista del voto?
I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.
FRIBORGO
21 ore
Scuola elementare vandalizzata da due 14enni
I danni superano i 100mila franchi. I due autori verranno denunciati al Tribunale dei minorenni.
SVIZZERA
21 ore
«Non è la vaccinazione a dividerci, è la pandemia»
Conferenza stampa con Alain Berset e Lukas Engelberger. Tra i temi trattati, la settimana nazionale di vaccinazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile