Keystone
Il processo si è tenuto al tribunale penale di Lucerna
LUCERNA
09.08.21 - 15:390

Quasi 4 anni di carcere per avere stuprato e picchiato la moglie

Un 46enne del canton Lucerna è stato riconosciuto colpevole di violenza carnale, coazione, lesioni e pornografia.

Fonte 20 Minuten/Gianni Walther
elaborata da Dario Ornaghi
Giornalista

LUCERNA - Un 46enne del canton Lucerna è stato condannato a tre anni e nove mesi di reclusione per violenza carnale plurima per avere ripetutamente stuprato la moglie tra il 2013 e il 2017. L'uomo è stato inoltre riconosciuto colpevole di lesioni plurime, pornografia e coazione sessuale plurima.

Dal 2017, l'imputato aveva infatti preso a legare la donna con una corda «per renderla incapace di opporsi e compiere l'atto sessuale contro la sua volontà», si legge nella sentenza del Tribunale penale di Lucerna. La costrizione, che avveniva più volte alla settimana, ha lasciato alla vittima «importanti segni ai polsi».

A partire dall'autunno dello stesso anno, il 46enne aveva anche cominciato a stringere la moglie alla gola e a costringerla al sesso orale. Dal 2015, inoltre, la picchiava regolarmente prendendola a pugni, prima «da una a due volte al mese», poi settimanalmente. Le percosse hanno più volte provocato alla donna ematomi al viso e alle braccia.

A seguito del ritrovamento di un filmato con materiale pornografico proibito sul suo telefonino, l'uomo è stato condannato anche per pornografia. 

Oltre alla pena di tre anni e nove mesi di reclusione, gli è stata inflitta una pena pecuniaria dell'importo di 500 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
33 min
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
2 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
4 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
5 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
7 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
7 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
8 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
16 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
17 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
22 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile