Keystone
SVIZZERA
08.08.21 - 10:340
Aggiornamento : 13:30

Il Covid è costato 700 milioni alle casse malati

Santésuisse mostra apprensione per l'aumento dei costi, definito «preoccupante»

In ogni caso, grazie alle riserve, l'associazione non si aspetta un forte aumento dei premi

BERNA - La pandemia di coronavirus è costata 700 milioni di franchi all'assicurazione malattia obbligatoria, fra la sua apparizione nella primavera del 2020 e fine giugno di quest'anno: è la stima dell'associazione delle casse malati Santésuisse, che non nasconde la sua preoccupazione per l'aumento generale della spesa sanitaria.

Stando alle informazioni diffuse dalla SonntagsZeitung la parte del leone dei costi Covid (450 milioni) è costituita dal trattamento dei pazienti negli ospedali, mentre la seconda voce di spesa (150 milioni) è da attribuire alle vaccinazioni.

Una ripresa dei trattamenti
L'analisi dei dati di tutti gli oneri a carico delle casse mostra peraltro un'evoluzione che il domenicale definisce sorprendente: sebbene nel 2020 siano stati eseguiti meno trattamenti sanitari i costi sono comunque leggermente aumentanti. E le informazioni disponibili sino a fine giugno mostrano che vi sarà una forte crescita anche nel 2021: nell'assicurazione di base, per esempio, i costi sono già progrediti del 4% nella prima metà dell'anno.

«Questo forte aumento è preoccupante dopo diversi anni di sviluppo moderato dei costi», ha affermato Matthias Müller, responsabile del comparto politica e comunicazione di Santésuisse, citato dal domenicale. Anche se le spesa generata dal Covid di più di 700 milioni di franchi appare sopportabile se confrontata con il totale dei costi di oltre 34 miliardi all'anno, gli assicuratori sono preoccupati per la tendenza alla crescita, che a loro avviso è dovuta in gran parte all'effetto di recupero dei trattamenti sanitari.

E i premi?
In ogni caso, nonostante l'impennata dei costi, gli assicuratori non si aspettano un'esplosione dei premi. In particolare grazie alle riserve, che permettono un certo margine di manovra per ammortizzare le spese sanitarie. Infatti, secondo Müller, «questa prima valutazione della pandemia ci mostra quanto sia importante per gli assicuratori sanitari avere riserve sufficienti» ha detto, riferendosi ai vari dibattiti sul tema dell'abolizione delle riserve.

L'esperto ha poi ribadito che «gli assicuratori sanitari si sforzano di mantenere i premi più bassi possibile», ma anche che «bisogna considerare i costi a lungo termine». Infatti, gli aumenti dei premi devono sempre essere visti sullo sfondo dell'evoluzione generale dei costi del sistema sanitario, ed è qui che il ruolo della politica diventa fondamentale, secondo Santésuisse.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 3 mesi fa su tio
Ma chi volete a chi fanno pagare tutti questi oneri dovuti al COVID se non che agli assicurati.
madras 3 mesi fa su tio
Si aumenta la cassa malati e tutto aumenta, ma gli stipendi restano sempre uguali se addirittura non abbassati, con la scusa del Covid una vergogna
la garita 3 mesi fa su tio
Speriamo che in Ticino i premi non aumentino di nuovo. E che i salari dei direttori vengano corretti verso il basso !!
Tato50 3 mesi fa su tio
@la garita Si, e Gesù bambino è nato da un "fatelo da voi" di Beppe ;-))
seo56 3 mesi fa su tio
🤐🤐🤐
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
3 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
3 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
3 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
5 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
6 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
6 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
9 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
SVIZZERA
10 ore
«Ha vinto la maggioranza silenziosa»
Così la stampa elvetica ha commentato l'esito dell'attesa votazione del 28 novembre sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
10 ore
Gli svizzeri chiedono nuovi provvedimenti anti-Covid
Estensione dell'obbligo di mascherina e booster raccolgono più consensi, secondo un sondaggio rappresentativo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile