Depositphotos (mihtiander)
Continua, nonostante il maltempo, il boom della bicicletta in Svizzera.
SVIZZERA
07.08.21 - 15:290

Il boom delle biciclette è più forte del maltempo

I dati di Velosuisse mettono in luce anche una crescita dell'export

BERNA - La bicicletta continua a beneficiare di un boom in Svizzera, malgrado la meteo non sempre favorevole. Nei primi sei mesi le importazioni di e-bike sono salite - rispetto al già molto dinamico primo semestre del 2020 - del 16,5% (a 111'000); per le due ruote tradizionali (cioè a trazione puramente umana) la progressione è stata dell'8,9% (a 201'000).

A pubblicare questa settimana i dati è stata Velosuisse, l'associazione svizzera dei fornitori di biciclette, che ha messo anche in luce una crescita dell'export: +15,6% (a 37'000) per le bici elettriche e +29,6% (a 35'000) per quelle convenzionali.

«Periodi così lunghi di maltempo come quelli vissuti in maggio e giugno hanno sempre portato in passato a forti cali delle vendite e del fatturato nell'industria delle due ruote: non così nella prima metà del 2021», osserva Velosuisse. Il calo della domanda dovuto alla meteo è stata utilizzata dai commercianti per smaltire gli arretrati di ordini e per eseguire le riparazioni.

Le cifre mostrano che rispetto all'anno precedente sono stati consegnati volumi molto più ampi: non si può quindi parlare di penuria generalizzata, sottolinea l'organizzazione. Tuttavia sussistono alcune strozzature nelle catene di fornitura: questo richiede una certa flessibilità da parte di tutte le persone coinvolte. «I clienti finali sono invitati a pianificare per tempo l'acquisto della loro bicicletta con il loro rivenditore di fiducia o a decidersi subito in negozio per un modello lì disponibile».

Le catene di approvvigionamento continuano a essere gravemente interrotte a causa dalle misure anti-pandemia e del maltempo: si osserva una carenza di materiale da imballaggio, di contenitori, di capacità di trasporto e portuali. Le conseguenze sono costi di trasporto notevolmente aumentati e date di consegna incerte. Questo ha portato ad esempio Flyer - noto fabbricante di biciclette elettriche con sede a Huttwil (BE) - a dover osservare due settimane di ferie quest'estate, per la prima volta nella storia aziendale e nonostante un portafoglio di ordini pieno. La società non è l'unica del ramo che si è vista costretta a chiudere temporaneamente a causa di mancanza di materiali, fa notare Velosuisse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile