Keystone
SVIZZERA
06.08.21 - 09:070
Aggiornamento : 10:12

Engelberger: «È possibile che la Svizzera sia all'inizio della quarta ondata»

Il presidente del CDS non vede alcun motivo per alleggerire o inasprire le restrizioni di lotta al Covid-19.

Per Engelberger, infatti, l'idea che con una certa copertura vaccinale «tutte le restrizioni possano essere eliminate immediatamente è ingenua». Per contro ritiene «improbabile» un nuovo lock-down.

BERNA - Il presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS), Lukas Engelberger, non vede alcun motivo per inasprire le misure di lotta al Covid-19 nonostante l'aumento del numero di casi. Non vede comunque alcuna ragione neppure per allentarne la portata.

«È possibile che la Svizzera sia all'inizio di una quarta ondata», afferma Engelberger in un'intervista pubblicata oggi nei giornali in lingua tedesca dell'editore Tamedia, riferendosi all'attuale aumento del numero di casi. Aggiunge che «la situazione negli ospedali svizzeri al momento non è allarmante».

Per il consigliere di Stato di Basilea Città (Centro), l'idea che con una certa copertura vaccinale «tutte le restrizioni possano essere eliminate immediatamente è ingenua». Le misure di protezione, allentabili o rafforzabili per gradi, sono ancora necessarie, dice.

Data la disponibilità dei vaccini, un nuovo contenimento è uno «scenario improbabile». L'obiettivo è quello d'intensificare la campagna di vaccinazione. Suppone che molte persone che hanno rimandato l'inoculazione del siero a causa delle vacanze saranno vaccinate in agosto.

Vaccinazione per evitare misure - La situazione sarebbe ben diversa se ci fossero segni di sovraccarico nel sistema sanitario, se il numero d'infezioni e di ricoveri aumentasse, ma non quello di vaccinazioni. «Dovremmo allora pensare ad altre misure», dice il responsabile del Dipartimento della sanità del cantone renano. Grazie alla vaccinazione, tutti hanno la possibilità di evitare misure draconiane, aggiunge.

Il consigliere di Stato vede un rischio nell'abolizione della quarantena obbligatoria per chi ha viaggiato all'estero e fa ritorno in Svizzera. «Come direttore della sanità, avrei preferito mantenere il requisito della quarantena per le persone che tornano da paesi con un'alta incidenza del virus», dice. Il Canton Argovia, ad esempio, ieri ha segnalato un'alta percentuale di viaggiatori tra coloro che sono risultati positivi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Xelle 2 mesi fa su tio
36 000 persone che avranno scelto di non vaccinarsi con tutte le consequenze. Adesso veramente basta.
Xelle 2 mesi fa su tio
è cosi che pensate dare la voglia alla gente di vaccinarsi? Essendo doppiamente vaccinata conto di ritrovare una certa libertà e non di dover indossare la mascherina per
Alessandro 69 2 mesi fa su tio
Tanto anche se sarà vaccinata il100% della popolazione troveranno altre scuse
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZUGO
1 ora
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
5 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
6 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
7 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
7 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
9 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
10 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
11 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
SVIZZERA
21 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile