DPA
BERNA
30.07.21 - 14:200
Aggiornamento : 16:15

Comparis ha pagato il riscatto agli hacker

Il servizio di comparazione online ha trovato un accordo con i cyberestorsionisti per riottenere l'accesso ai dati.

I criminali informatici avevano chiesto 400.000 dollari.

di Redazione

BERNA - Ad inizio luglio il noto servizio di comparazione Comparis era stato vittima di un attacco da parte degli hacker, i quali erano riusciti ad entrare nei server dell'azienda e a rubare una serie di dati importanti. Gli estorsori avevano subito presentato una richiesta di riscatto in cambio della riconsegna dei dati. Comparis fino ad aggi aveva sempre negato di aver pagato i ricattatori, ma stando a quanto ha pubblicato oggi il sito economico Inside Paradeplatz, l'azienda si è decisa a pagare.

Dati di nuovo in possesso del sito - Il portavoce di Comparis Michael Kuhn ha confermato al portale 20 Minuten che è stato raggiunto un accordo con gli estorsori: «Abbiamo di nuovo pieno accesso ai nostri dati». I tecnici sono stati in grado di ripristinare gran parte del sito web poco dopo l'attacco e sono tornati online in meno di 48 ore. «Con l'accordo siamo stati in grado di decifrare i dati essenziali che avremmo potuto ripristinare solo con grande fatica e notevole impiego di tempo, o addirittura non saremmo mai riusciti a recuperarli».

Chiesto un riscatto da 400mila dollari - Come annunciato da Comparis dopo l'attacco informatico dello scorso 7 luglio, i criminali informatici avevano chiesto un riscatto di 400mila dollari, pagabili in criptovaluta. Kuhn non ha voluto dire se sia stato concordato questo o un importo inferiore: «Per motivi di sicurezza, non possiamo fornire questo tipo di informazioni». E non è nemmeno chiaro se i dati dei clienti rubati ora siano al sicuro da un utilizzo illecito criminale: «Non esiste una sicurezza al cento per cento».

Trasparenza anche nel pagamento - Prima di raggiungere l'accordo, sono state prese in considerazione tutte le opzioni, afferma Kuhn: «Ci siamo consultati con le autorità e con la polizia, ma abbiamo preso la decisione da soli». Con la comunicazione del pagamento del riscatto Comparis vuole continuare ad informare i propri clienti in modo trasparente.

Basso rischio - Inizialmente era stato detto che i dati dei clienti non erano stati interessati dall'attacco. Poi Comparis aveva divulgato un comunicato stampa in cui annunciava che «probabilmente» c’era stato un furto di dati: «Gli utenti di Comparis vengono informati direttamente di qualsiasi accesso illecito ai dati dei clienti», viene spiegato. Tuttavia, in questo caso il rischio di utilizzo criminale dei dati è valutato come basso.

Mai rispondere alla prima richiesta - La polizia cantonale zurighese, che gestisce il Dipartimento di polizia per la criminalità informatica, non vuole commentare il pagamento del riscatto: «Non giudichiamo il comportamento della parte lesa», ha affermato il portavoce Marc Besson. Le aziende colpite da attacchi informatici dovrebbero però sempre informare immediatamente la polizia. Che raccomanda di non rispondere mai a questo tipo di richieste. Perlomeno in una prima fase.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
Nessuno dovrebbe avere più di cento milioni di franchi in banca
Dopo la sconfitta dell'Iniziativa 99%, la Gioventù socialista si prepara a lanciare una nuova iniziativa
SVIZZERA
1 ora
Collegialità violata, il Governo opta per il "no comment"
Il presidente Guy Parmelin non ha preso posizione sulle asserzioni del suo collega (anche di partito) Ueli Maurer.
SVIZZERA
1 ora
Strage di Zugo, un minuto di silenzio
Era il 27 settembre di 20 anni fa. Un forsennato armato di un fucile d'assalto uccise 14 politici cantonali
SVIZZERA / FRANCIA
3 ore
Giudice malato, verdetto UBS posticipato
Continua a tenere banco il contenzioso fiscale tra la grande banca elvetica e la Francia.
SVIZZERA
3 ore
Fuoco incrociato su Berset e Maurer
Sarà un'ora delle domande infuocata quella di questo pomeriggio sotto la cupola di Palazzo federale.
SVIZZERA
4 ore
Nel weekend 3096 contagi in Svizzera
Sono 11 i decessi registrati dall'UFSP. Altre 49 persone sono state ricoverate
VAUD
5 ore
Lite nel centro di Losanna: un morto e un ferito grave
Nella notte su domenica vi è stato un violento alterco fra due fazioni rivali.
SVIZZERA
7 ore
Legge Covid-19: la "battaglia" è cominciata
Tra due mesi si voterà sulla Legge Covid-19. Per Governo e Cantoni la base normativa va assolutamente approvata.
SVIZZERA
8 ore
Complotti, fake news, razzismo: un cocktail pericoloso
Per la Commissione federale contro il razzismo si tratta di piaghe sempre più sotto la luce dei riflettori.
ZUGO
9 ore
Strage in Parlamento, sono passati 20 anni
Il 27 settembre del 2001 Friedrich Leibacher uccise 14 persone, poi si tolse la vita.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile