Immobili
Veicoli
deposit
ZURIGO
29.07.21 - 21:510

Lavoro più duro, meno clienti, richieste estreme

La pandemia sta lasciando profonde cicatrici nell'industria del sesso.

Le donne lottano contro la brutalità dei clienti e le difficoltà finanziarie. Due prostitute e una dominatrice si raccontano.

ZURIGO - La "sfilata" davanti ai clienti dura un minuto. Poi coppie di tacchi alti si allontanano in più direzioni. Una donna accompagna il visitatore nelle sue stanze.

«Una brutta giornata è quando non arrivano "corteggiatori". O quando non ti vogliono, o sono brutali con te», racconta al Blick Gloria (25), prostituta all'Eden, un bordello a Schlieren (ZH). Le "giornate no" sono aumentata con la pandemia. «Il mio lavoro è più difficile di prima», sostiene.

La "contessa" Viola aspetta gli ospiti nell'attico di una casa blu a Reppischhof (ZH). Lo studio è attrezzato a puntino: le fruste appese, i giocattoli sessuali in una vetrinetta, niente polvere. La dominatrice aveva due o tre uomini al giorno. Ora questo numero lo raggiunge in una settimana.

«Clienti arroganti e violenti» - «Noto che i clienti sono più stressati», spiega. «Vengono da me per liberarsi dalla loro frustrazioni, ma sono sempre più quelli arroganti o che ti trattano dall'alto in basso. Alcuni arrivano a strapparmi i capelli o chiedono qualcosa che non offro».

Più uomini vogliono sesso senza preservativo - Dopo la pandemia, inoltre, sempre più uomini vorrebbero fare sesso senza preservativo. La clientela sta andando alla deriva in due estremi: alcuni uomini sono spariti per paura del virus, altri non si preoccupano più di niente.

Nessuna paura - Gloria non vuole essere vaccinata. Teme gli effetti a lungo termine. Deve testarsi ogni tot giorni, come tutte le prostitute dell'Eden. Come le altre, non ha paura del virus. «Nessuna tra le mie conoscenze, è stata contagiata sul lavoro», afferma la collega Lia (35). «Nemmeno in altri bordelli».

«Il lavoro è cambiato» - Il business del sesso è diventato più difficile, su questo le ragazze intervistate sono d'accordo. I bordelli del canton Zurigo sono stati chiusi per mesi. Dalla riapertura a giugno hanno notato la differenza: il settore non è più lo stesso.

Gloria è tornata in Svizzera solo da poche settimane. Ha trascorso il secondo lockdown con la sua famiglia in Romania, ha lavorato come cameriera in un ristorante e a malapena ha fatto quadrare i conti. I suoi parenti pensano che lavori qui come donna delle pulizie.

Lia opera da sei anni a Zurigo e San Gallo. Non ha più visto molti dei suoi ospiti abituali dallo scoppio della pandemia. Qualche settimana fa è passato per la prima volta un vecchio cliente: «Era solito "divorarmi" e voleva fare sesso orale senza preservativo», racconta Lia. «Ora è completamente cambiato, non vuole baci e solo sesso da dietro».

Un cliente su due non si presenta - Nello studio di Hades, di cui la "contessa" Viola è la direttrice, una stanza è stata allestita come fosse un reparto d'ospedale. «La mia clinica», così la chiama la dominatrice che al momento dell'intervista indossa un vestito da infermiera attillato sul quale risaltano le sue labbra rosso vivo.

Viola ha fatto anche il richiamo del vaccino. Accoglie i suoi ospiti con una mascherina trasparente. È necessario fornire i propri contatti, ma non è richiesto nessun certificato di vaccinazione o test.

La sua quotidianità è diventata più burocratica, aggiunge. «Ora devo occuparmi più dell'amministrazione che dei desideri dei miei ospiti». Molti uomini le scrivono, ma poi non si presentano all'appuntamento. Circa la metà degli ospiti lo fa. Prima della pandemia, era al massimo uno su dieci. «Mi scrivono su Whatsapp o mi mandano foto inappropriate - racconta -. Non è così che funziona!».

Timori finanziari e conseguenze del lockdown - La clientela della dominatrice include spesso giovani sotto i 30 anni. Di solito sono persone che ricoprono incarichi di responsabilità sul lavoro. «Vieni da me per lasciarti andare e rinunciare al controllo», prosegue Viola. Ma a causa del Coronavirus molti di questi potenziali clienti lavorano da casa e quindi non riescono a giustificare l'assenza.

Questo ha gravi conseguenze per le operatrici del sesso. La "contessa", ad esempio, ha dovuto pagare l'affitto dello studio per tutto il lockdown senza ricevere alcun compenso. La dominatrice è tormentata dai problemi finanziari: «Ho dovuto stringere la cinghia. Ovviamente tagliando sulle vacanze, sono fuori discussione». La donna non si arrende, sperando che il settore si riprenda, e soprattutto che non si debba richiudere. «A quel punto non saprei più cosa fare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
CANTONE
2 ore
L'onda d'urto del vulcano è arrivata in Ticino
Tra le 19 e le 21 di ieri i barometri hanno registrato un'oscillazione importante
SVIZZERA
15 ore
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SVIZZERA
17 ore
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
BERNA/LUCERNA/SAN GALLO
18 ore
Stazioni sciistiche prese d'assalto
Il sabato soleggiato ha portato numerosissimi appassionati sulle piste, provocando lunghe code.
SVIZZERA
21 ore
Il Consiglio federale? «Indecisi e assetati di potere, non osano»
Il Presidente dei Verdi, Balthasar Glättli, ha criticato l'inazione del Consiglio federale
SAN GALLO
21 ore
Frena bruscamente, causa un incidente e poi scappa
Il conducente di una Golf ha costretto le auto dietro di lui a frenare, provocando un incidente
SVIZZERA
21 ore
«Né complottista né oppositore, ho solo un'opinione personale»
In un discorso davanti ai delegati dell'UDC nazionale, il Consigliere federale ha parlato della pandemia e di sé
SVIZZERA
23 ore
L'avvertimento di Chiesa: «Una catastrofe energetica»
Il Presidente dell'UDC chiede al Governo di agire immediatamente per evitare «conseguenze devastanti»
SVIZZERA
1 gior
I Verdi non vogliono spodestare il Ps
Alle prossime federali gli ecologisti puntano a un seggio in governo, ma non a danno della sinistra
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile