Tamedia (immagine illustrativa)
SVIZZERA
29.07.21 - 14:340
Aggiornamento : 15:41

L'obbligo del test non piace a chi lavora nel settore sanitario

Non c'è unanimità tra chi lavora negli ospedali per quanto riguarda i test obbligatori

Fonte ATS
elaborata da Redazione

BERNA  - L'associazione degli ospedali H+ e quella delle organizzazioni di aiuto a domicilio (Spitex), contrariamente ai cantoni, non si oppongono ad un eventuale obbligo di test Covid per il personale sanitario non vaccinato. Tuttavia, un tale obbligo significherebbe costi più elevati, non coperti dalle tariffe attuali.

Il finanziamento di questi "compiti supplementari" deve quindi essere chiarito in anticipo, scrive H+ in risposta a una richiesta dell'agenzia di stampa Keystone-ATS. Questo vale anche nel caso in cui i visitatori di ospedali e cliniche debbano far controllare il certificato Covid o i test.

Spitex è favorevole ai test obbligatori. Ci sono già organizzazioni di aiuto a domicilio che testano ripetutamente il loro personale non vaccinato, ad esempio nel canton Grigioni. La competenza per decretare un tale obbligo è dei cantoni e Spitex, in qualità di organizzazione mantello, accoglierebbe con favore una regolamentazione uniforme in tutta la Svizzera.

I cantoni invece sono riluttanti ad assumersi l'impegno per i test obbligatori "al momento", scrive la Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della Sanità (CDS). Gli operatori sanitari che non sono stati vaccinati e non hanno mai fatto il Covid dovrebbero essere testati regolarmente, afferma la CDS precisando che considera un dovere dei datori di lavoro fornire test regolari, soprattutto nelle case di cura. La Conferenza intende continuare a fare affidamento sulla vaccinazione volontaria, poiché ritiene che questo sia il modo migliore per garantire la protezione nel sistema sanitario. I non vaccinati devono essere convinti illustrando il bilancio positivo fra benefici e rischi.

In una conferenza telefonica con i rappresentanti cantonali, il ministro della sanità Alain Berset ha raccomandato "urgentemente" di introdurre test e certificazioni obbligatori negli ospedali, nelle case di cura, nelle strutture di assistenza e in quelle di aiuto a domicilio. I cantoni dovranno prendere nelle prossime settimane misure di loro competenza per proteggere soprattutto i bambini, gli adolescenti e le persone particolarmente vulnerabili. Dovrebbero pure continuare a promuovere campagne di vaccinazione e rendere l'accesso ai principi attivi "il più facile possibile".

Sia la CDS che H+ sottolineano che il tasso di vaccinazione nel sistema sanitario è già relativamente avanzato. La propensione alla vaccinazione - sottolineano - è molto più alta rispetto alle campagne contro l'influenza, soprattutto tra coloro che sono in contatto diretto con i pazienti di Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Ginevra
11 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
12 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
12 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
SVIZZERA
16 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
19 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
19 ore
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
20 ore
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
ZURIGO
21 ore
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
SVIZZERA
22 ore
Test in regalo da Maurer
Antigenici gratuiti fino alla revoca del certificato Covid: questa sarebbe la posizione del ministro UDC
SVIZZERA
1 gior
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile