Keystone
TURGOVIA
23.07.21 - 22:220
Aggiornamento : 24.07.21 - 12:55

Rifiuta la mascherina, si oppone alla multa e riceve un rimborso

L'uomo, che si trovava in treno, non si è fatto convincere nemmeno dalla Polizia ferroviaria.

Dopo il mancato pagamento della sanzione, è arrivato persino a ottenere indietro i soldi delle spese del procedimento.

KREUZLINGEN - Sorpreso in treno senza mascherina. Non in una, ma in due separate occasioni. Sì, perché nonostante l’intervento della Polizia ferroviaria, sia l’8 dicembre 2020 che l'11 maggio 2021, Max R.* si era rifiutato di indossarla. Dopo una multa di 150 franchi e 100 franchi di spese procedurali non pagate dall’uomo in febbraio per il primo episodio, il 6 aprile il Pubblico ministero l’ha convocato in udienza. Ma forse nemmeno lui si aspettava di uscirne indenne, senza sborsare nemmeno un centesimo.

Niente eccezioni per la corte - Al momento della convocazione l’uomo ha annunciato di necessitare un permesso scritto che si sarebbe potuto presentare in aula senza mascherina, citando «motivi particolari» che lo esenterebbero dal portarla, ma senza presentare un certificato medico. 

L'imputato riceve 390 franchi - Poi, lo scorso 2 giugno, la sorpresa: Max R. riceve una raccomandata che lo informa che il procedimento è stato interrotto. Le ragioni citate sono «le circostanze di fatto e di diritto». E non è tutto: dopo una sua richiesta di rimborso, l’uomo ha ricevuto complessivamente poco più di 390 franchi, le spese del procedimento sono infatti state prese a carico dallo Stato. 

Per alcuni, un eroe - Nel frattempo, una newsletter dell'associazione “Amici della Costituzione”, che si definisce impegnata «per una società plasmata dai valori di libertà, uguaglianza e fraternità», ha definito il caso come «un esempio di coraggio morale».

Parola al Pubblico ministero - Il procuratore pubblico di Kreuzlingen Patrick Müller conferma la decisione presa, così come il risarcimento: «L’archiviazione si basa sul fatto che il Tribunale distrettuale di Kreuzlingen ha riscontrato, in un caso simile, che non vi erano basi sufficienti per una pena pecuniaria prima dell'entrata in vigore dell'ordinanza Covid del 1 febbraio 2021». Il nocciolo della questione è il seguente: L'Ufficio del pubblico ministero ha ritenuto che la base giuridica, che esiste nella Legge federale sulle epidemie dal 2016, fosse sufficiente per elargire una multa. Al suo interno viene esplicitato che chiunque si opponga deliberatamente a misure che concernono la popolazione può essere punito in questo modo. Il Tribunale distrettuale è però di parere diverso: è giunto alla conclusione che la base giuridica sarebbe stata sufficiente solo con l'ordinanza, in vigore solo dal 1° febbraio.

* Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La tappa svizzera del “treno europeo”
Si tratta dell'iniziativa “Connecting Europe Express” volto a promuovere la ferrovia nel continente
SVIZZERA
1 ora
Nessuno dovrebbe avere più di cento milioni di franchi in banca
Dopo la sconfitta dell'Iniziativa 99%, la Gioventù socialista si prepara a lanciare una nuova iniziativa
SVIZZERA
2 ore
Collegialità violata, il Governo opta per il "no comment"
Il presidente Guy Parmelin non ha preso posizione sulle asserzioni del suo collega (anche di partito) Ueli Maurer.
SVIZZERA
3 ore
Strage di Zugo, un minuto di silenzio
Era il 27 settembre di 20 anni fa. Un forsennato armato di un fucile d'assalto uccise 14 politici cantonali
SVIZZERA / FRANCIA
4 ore
Giudice malato, verdetto UBS posticipato
Continua a tenere banco il contenzioso fiscale tra la grande banca elvetica e la Francia.
SVIZZERA
5 ore
Fuoco incrociato su Berset e Maurer
Sarà un'ora delle domande infuocata quella di questo pomeriggio sotto la cupola di Palazzo federale.
SVIZZERA
5 ore
Nel weekend 3096 contagi in Svizzera
Sono 11 i decessi registrati dall'UFSP. Altre 49 persone sono state ricoverate
VAUD
7 ore
Lite nel centro di Losanna: un morto e un ferito grave
Nella notte su domenica vi è stato un violento alterco fra due fazioni rivali.
SVIZZERA
9 ore
Legge Covid-19: la "battaglia" è cominciata
Tra due mesi si voterà sulla Legge Covid-19. Per Governo e Cantoni la base normativa va assolutamente approvata.
SVIZZERA
10 ore
Complotti, fake news, razzismo: un cocktail pericoloso
Per la Commissione federale contro il razzismo si tratta di piaghe sempre più sotto la luce dei riflettori.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile