keystone
Il capo della sezione Gestione delle crisi dell'UFSP, Patrick Mathys.
SVIZZERA
22.07.21 - 17:420
Aggiornamento : 18:44

Arriva la zona viola? «Quarantena anche per i vaccinati»

La propone la task force governativa. Per contenere l'ingresso di varianti preoccupanti in Svizzera

Gli esperti raccomandano un nuovo "semaforo" dei paesi a rischio. Con quattro colori, e nuove restrizioni

BERNA - L'estate è sempre più colorata. Bianco, giallo, arancione e rosso in Italia, per designare l'incidenza dei contagi. In Svizzera rosso, verde e arancione indicano i settori a rischio restrizioni. In questo strano arcobaleno in futuro potrebbero aggiungersi nuove tinte. La Task Force scientifica propone di introdurre una nuova classificazione dei paesi a rischio più o meno elevato, con conseguenti nuove limitazioni ai viaggiatori in entrata in Svizzera. 

La notizia, anticipata oggi dal Blick, è poco rassicurante per chi ha prenotato le proprie vacanze fidando nel certificato Covid. Secondo gli esperti, l'evoluzione delle varianti è imprevedibile: verso le destinazioni in cui il virus circola in modo incontrollato, mantenere le "porte aperte" sarebbe imprudente. E andrebbe introdotto l'obbligo di quarantena al rientro anche per i vaccinati.

In un rapporto i consulenti del governo hanno proposto di introdurre un nuovo semaforo a quattro colori: verde, per i paesi con un'incidenza di 60 nuovi casi ogni 100mila abitanti; rosso, sopra i 60 casi; viola, paesi con varianti preoccupanti; grigio, paesi che effettuano meno di 10mila test per milione di abitanti. 

La quarantena, secondo le indiscrezioni, sarebbe raccomandata al rientro da tutti i paesi di colore diverso dal verde, per i non vaccinati. Ma anche per i vaccinati provenienti da paesi "viola". Questo almeno chiede la task force, secondo cui «anche l'utilizzo dell'app Swiss Covid o di altre app di tracciamento compatibili» dovrebbe essere obbligatorio. 

Ora la palla passa all'Ufsp, che dovrà fare le sue valutazioni. Il capo della sezione Gestione delle crisi dell’Ufficio federale della sanità pubblica, Patrick Mathys, nei giorni scorsi non ha voluto esprimersi sui possibili ulteriori restrizioni o allentamenti. Il problema non riguarda tanto la variante Delta che, in Svizzera, causa già «i tre quarti delle nuove infezioni» quanto nuove possibili mutazioni, ancora più pericolose. Ad agosto è prevista una nuova riunione del Consiglio federale, a cui spetta l'ultima parola.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
GINEVRA
3 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
ARGOVIA
3 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA / STATI UNITI
13 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
15 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
15 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
16 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
18 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
18 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
19 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile