20min/Taddeo Cerletti
SVIZZERA
20.07.21 - 16:320

Il calcio riparte col certificato Covid

Da sabato il campionato svizzero professionistico non prevede più un numero di spettatori limitato

ZURIGO - Dopo un anno di quasi digiuno, nel fine settimana i tifosi delle squadre di calcio che militano in Super League potranno di nuovo affluire a migliaia allo stadio. Unica condizione per essere ammessi sugli spalti: essere vaccinati, guariti o testati negativi al Covid-19, una precondizione che metterà a dura prova i club e invisa a molti fan, specie lo zoccolo duro.

Quando sarà dato il fischio d'inizio alla stagione, sabato alle 18 per la partita tra il Lucerna e lo Young Boys, il numero di spettatori non sarà più limitato. Al momento, circa due terzi degli adulti in Svizzera sono stati immunizzati contro il coronavirus. Tutti gli altri dovranno farsi testare se vogliono assistere alle partite o dimostrare di essere guariti dalla malattia.

Ciò significa, per i sodalizi, un doppio controllo: prima il biglietto d'entrata o l'abbonamento, poi il certificato Covid, senza dimenticare la carta d'identità. Fino a nuovo avviso, i tifosi non vaccinati dovranno prevedere per tempo un test. La maggior parte dei club sono riluttanti a fornire strutture per gli esami negli stadi o in loro prossimità.

È il caso del Grasshoppers di Zurigo, ormai ex grande del calcio elvetico ritornata in Super League, che - come riferito oggi da Radio SRF - non intende istituire strutture simili per la prima partita in casa di domenica contro il Basilea. Il motivo? L'impossibilità di stimare quanti tifosi ne avrebbero fatto uso. Unica eccezione sono i ginevrini del Servette: il club intende dare la possibilità di farsi testare in occasione del primo incontro in casa previsto il 1. agosto.

Lo zoccolo duro dei fan non è affatto contento delle nuove regole. In una dichiarazione congiunta sottoscritta da oltre una dozzina di organizzazioni di tifosi, vengono criticate le nuove regole per accedere allo stadio. Vera spina nel fianco è l'obbligo di mostrare un documento d'identità.

Nel mirino delle rimostranze anche la decisione di diversi club di sbarrare, almeno per il momento, i settori destinati ad accogliere i beniamini della squadra ospite. I tifosi della curva sud dello Zurigo hanno annunciato di non voler entrare assieme allo stadio quale segnale del malcontento serpeggiante per le nuove prescrizioni.

I tifosi temono poi che le nuove disposizioni rimarranno in vigore anche dopo la fine della pandemia. Quelli del Sion criticano l'idea del club di introdurre biglietti personalizzati, ciò che renderà impossibile l'anonimato secondo loro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / FRANCIA
14 min
Giudice malato, verdetto UBS posticipato
Continua a tenere banco il contenzioso fiscale tra la grande banca elvetica e la Francia.
SVIZZERA
55 min
Fuoco incrociato su Berset e Maurer
Sarà un'ora delle domande infuocata quella di questo pomeriggio sotto la cupola di Palazzo federale.
SVIZZERA
1 ora
Nel weekend 3096 contagi in Svizzera
Sono 11 i decessi registrati dall'UFSP. Altre 49 persone sono state ricoverate
VAUD
2 ore
Lite nel centro di Losanna: un morto e un ferito grave
Nella notte su domenica vi è stato un violento alterco fra due fazioni rivali.
SVIZZERA
4 ore
Legge Covid-19: la "battaglia" è cominciata
Tra due mesi si voterà sulla Legge Covid-19. Per Governo e Cantoni la base normativa va assolutamente approvata.
SVIZZERA
5 ore
Complotti, fake news, razzismo: un cocktail pericoloso
Per la Commissione federale contro il razzismo si tratta di piaghe sempre più sotto la luce dei riflettori.
ZUGO
6 ore
Strage in Parlamento, sono passati 20 anni
Il 27 settembre del 2001 Friedrich Leibacher uccise 14 persone, poi si tolse la vita.
SVIZZERA
6 ore
Gli scettici puntano al Nazionale
I movimenti d'opposizione alle norme anti-Covid starebbero preparandosi alle elezioni del 2023
LUCERNA
15 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
16 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile