Deposit
SVIZZERA
19.07.21 - 10:190
Aggiornamento : 16:57

Regole sul lavoro per i non vaccinati: «Mi sento discriminato»

Dal pranzo in solitudine alla mascherina FFP2, la pressione su chi non vuole farsi immunizzare si fa pesante.

Secondo Unia, determinate imposizioni violerebbero i diritti della persona: «In Svizzera non esiste una vaccinazione obbligatoria».

ZURIGO - Pranzo alla postazione di lavoro, lontano dai colleghi. E mascherina FFP2 in tutti gli spazi. Per tutto il giorno. Sono queste le disposizioni imposte da alcune aziende ai non vaccinati in seguito al recente ritorno al lavoro in presenza deciso dal Consiglio federale

Un pasto davanti al computer - Quando B.M.* (39) tornerà in ufficio il mese prossimo, riferisce lei stessa, non le sarà più permesso di pranzare con i suoi colleghi negli spazi comuni. Dovrà invece, per volere del suo capo, farlo alla sua postazione di lavoro. E questo, perché non è vaccinata. Nel frattempo, le è inoltre stata imposto di indossare una mascherina FFP2 tutto il giorno, mentre chi si è fatto somministrare il preparato immunizzante può muoversi liberamente senza alcun tipo di mascherina. Il suo capo ha poi richiesto a chi vuole vaccinarsi di comunicare in anticipo le date di appuntamento.

Peer-pressure - «Riesco a sentire gli sguardi dei miei colleghi quando cammino per i corridoi indossando una mascherina. Mi sento discriminata e messa sotto pressione», racconta B.M., che lavora nell'amministrazione di un'impresa artigiana di un centinaio di dipendenti nel canton Zurigo. Non è contraria alla vaccinazione, sottolinea, vuole solo prendersi un po' più di tempo per decidere. «Ma con il regolamento attuale siamo categorizzati a colpo d'occhio».

«Le persone non vaccinate vengono marchiate» - Anche nel caso di L.K.* (26), il personale che ha avuto un rendez-vous con Pfizer o Moderna e quello che invece ha dato buca sono trattati in maniera diversa. Tutti i dipendenti dell’azienda di logistica per cui lavora, con sede ad Argovia, hanno avuto due settimane di tempo per presentare il certificato di vaccinazione al dipartimento risorse umane. E chi non è stato vaccinato deve continuare a indossare la mascherina, dice la giovane. Anche lei, che attende la seconda dose, deve indossarla. «Penso che sia un male che le persone non vaccinate vengano marchiate con questa procedura. Si viene etichettati e guardati di traverso».

Contro la propria volontà - L. si dice particolarmente infastidita dal fatto che i singoli dipendenti cedano alle pressioni e si facciano vaccinare, anche se in realtà non avrebbero voluto. Ognuno dovrebbe essere in grado di decidere in maniera indipendente se desidera o meno sottoporsi alla vaccinazione, afferma. 

«Il datore di lavoro viola i diritti della persona» - Il sindacato Unia condanna i casi descritti. «Non è consentito richiedere la prova della vaccinazione ai dipendenti», afferma Serge Gnos, responsabile della comunicazione. «Prima di tutto, in Svizzera non esiste una vaccinazione obbligatoria. E in secondo luogo, il datore di lavoro viola i diritti personali dei suoi dipendenti quando chiede loro tali dati personali». E riguardo alla questione pranzo: «Il datore deve mettere a disposizione dei suoi dipendenti un break room. Le pause pranzo alla postazione di lavoro sono consentite solo se la persona è di picchetto, ad esempio, ma quel tempo conta comunque come orario di lavoro».

* nomi noti alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
2 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
3 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
4 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A centinaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
5 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
6 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
7 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
8 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
10 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
11 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile