Kora
Una lince eurasiatica nella neve dell'Oberland bernese immortalata da una trappola fotografica.
SVIZZERA
16.07.21 - 16:410

La lince ha trovato casa sull'Altipiano

Nell'ultimo decennio diversi esemplari si sono stabiliti e riprodotti nella zona più popolosa della Svizzera.

L'alta concentrazione di prede ha convinto il predatore a emigrare dal Giura e dalle Alpi.

BERNA - In Svizzera, la lince sta gradualmente frequentando sempre più l'Altipiano in cerca di prede. Nell'ultimo decennio, diversi individui vi si sono addirittura stabiliti e riprodotti, indica la Fondazione Kora nel suo rapporto 2020 pubblicato oggi.

Negli anni '80 e '90 pochi predatori hanno osato avventurarsi in questa regione, che è meno boscosa e ospitale per la fauna selvatica. L'altopiano serve piuttosto come corridoio di migrazione tra le catene del Giura e delle Alpi, spiega la fondazione Ecologia dei carnivori e gestione della fauna selvatica (Kora), con sede a Muri (BE).

I primi casi d'insediamenti duraturi di lince sono stati registrati negli ultimi dieci anni, in particolare nella zona tra Losanna e il lago di Neuchâtel, ma anche tra Schwarzenburg (BE) e la città di Berna nonché nel nord-est della Svizzera. Una prima cucciolata è stata confermata nel 2012 a sud del lago di Neuchâtel, ed poi stata seguita da altre nel 2013 e nel 2020 nella stessa pianura vodese.

È stata verosimilmente l'alta concentrazione di prede, soprattutto caprioli, a convincere questi predatori a lasciare il Giura e le Alpi, dove si trovano di solito, per un'area popolosa, spiega Kora.

L'Altipiano è infatti la regione più densamente popolata della Svizzera: costituisce circa il 30% del territorio e ospita oltre due terzi degli abitanti del Paese. Le superfici insediative occupano il 16% di questo zona, una percentuale doppia rispetto alla media nazionale. Nella regione si concentra più della metà della rete stradale nazionale, e di conseguenza si registra la maggiore densità di traffico.

Il Centro svizzero di competenza per grandi predatori ha quindi qualche dubbio sulla capacità delle linci di sopravvivere in questo nuovo ambiente, dove «i disturbi e i rischi di mortalità dovuti alle collisioni con i veicoli sono i più alti», sottolinea.

Riguardo ai lupi, il rapporto 2020 della fondazione Kora riferisce che una coppia proveniente dell'Alto Vallese è migrata nel 2011 nel massiccio della Calanda vicino a Coira (GR). Si è riprodotta ogni anno per dare alla luce un totale di 46 cuccioli fino nel 2019. Da questa prole si sono poi formati diversi branchi, che nel 2018 si sono spostati nel vicino massiccio del Ringelspitz e nel 2020 nella Alta Surselva, a parecchie decine di chilometri di distanza. La popolazione di lupi della Calanda nel 2019 risultava di soli nove individui.

È stata esaminata anche la popolazione svizzera di gatti selvatici europei, che è cresciuta notevolmente negli ultimi anni. La sua frequentazione dei campi agricoli e delle aree urbane sta però minacciandone la sopravvivenza.

Kora coordina vari progetti di ricerca riguardanti l'ecologia dei predatori nel paesaggio culturale e la convivenza di uomo e predatore. Gli obiettivi sono di offrire ai grandi predatori una sopravvivenza a lungo termine e di trovare soluzioni che contribuiscano a risolvere i conflitti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
3 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
4 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
5 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A centinaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
6 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
7 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
7 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
8 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
10 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
11 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile