Sciopero Clima
Un'automobile sott'acqua a Lucerna.
+8
SVIZZERA
16.07.21 - 16:130
Aggiornamento : 17:46

«Tempeste come queste diventeranno la regola»

L'Associazione Sciopero per il Clima lancia l'allarme riguardo alle recenti violentissime precipitazioni.

Secondo loro, temporali e inondazioni attuali sono solo un assaggio di quello che ci prospetta il futuro se non si compirà una decisa inversione di marcia. «Non abbiamo più tempo per una politica di facciata e compromessi».

BERNA - Gli eventi meteorologici «estremi» degli ultimi giorni stanno causando notevoli danni in Svizzera. Diversi laghi e fiumi sono già straripati - come a Lucerna dove le acque del Lago dei Quattro Cantoni hanno invaso la città vecchia - o sono al loro limite massimo (canton Berna). Fatti isolati? Non per l'Associazione ambientalista "Sciopero per il Clima" che nelle recenti violentissime precipitazioni (e nelle conseguenti inondazioni) vede solo confermati i suoi avvertimenti. «C'è ansia per un futuro in cui tali estremi meteorologici non saranno più una rarità».

«Solo un assaggio» - Anzi, per "Sciopero per il Clima" i temporali e le inondazioni attuali saranno solo «un assaggio» di quello che ci prospetta il futuro e rientrano tra le molte conseguenze della crisi climatica. «Gli eventi meteorologici estremi non solo diventeranno più frequenti ma anche più gravi con l'avanzare della crisi climatica», spiega Larissa Bison di Lugano. 

«Agire ora» - Per l'Associazione c'è solo un modo per evitare che tali tempeste diventino più frequenti e più forti, ovvero ridurre le emissioni di gas serra il più rapidamente possibile. «Vediamo ora quanto sia importante raggiungere il netto zero di emissioni entro il 2030», sottolinea Vivienne Peter di Lucerna. «E che questa non è una richiesta estrema, ma assolutamente necessaria».

«Non c'è più tempo per i compromessi» - Il Piano d'Azione per il Clima, che lo Sciopero per il Clima ha sviluppato insieme a 60 scienziati, elenca le misure per ridurre le nostre emissioni di CO2. Queste devono ora essere prese sul serio dalle persone in politica e implementate, altrimenti continueremo a scendere sempre di più a un ritmo pericoloso nel circolo vizioso della crisi climatica, con conseguenze anche mortali. «Semplicemente non abbiamo più tempo per una politica di facciata e compromessi», dice Anna Lindermeier di Zurigo. «Siamo con l'acqua alla gola, bisogna agire subito».

keystone-sda.ch (URS FLUEELER)
Guarda tutte le 12 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 2 mesi fa su tio
L’unica cosa certa al momento sono i catastrofisti climatici con la loro magica sfera di cristallo. Quando le forti piogge, grandine e tempeste diventeranno più frequenti della media, allora sarà un dato di fatto e non ciarlataneria! In ogni caso resta il fatto che i cambiamenti climatici sono una conseguenza delle peculiarità dei parametri orbitali terrestri, CO2 e metano di origine antropica hanno sicuramente un loro peso ma molto marginale rispetto a quanto si cerca di far credere per evidenti motivi economici. Prudenza sì, ma non esageriamo con il catastrofismo cercando di metterlo davanti alla tecnologia e alle possibilità economiche dei più deboli. Per aprire bocca su questo argomento bisogna almeno saper spiegare con disinvoltura il meccanismo delle stagioni, poi si potrebbe comprendere gli effetti sul clima generati dalla precessione dell’asse terrestre, dalla variabilità in inclinazione di questo asse, dall’eccentricità dell’orbita terrestre, dai cicli solari, dall’albedo, dalle correnti oceaniche, dall’inerzia del sistema, dai periodi in fase o controfase dei parametri orbitali… poi ancora il ciclo dell’acqua, il maggiore accumulatore di calore che genera l’effetto serra e ci tiene in vita, infine CO2, metano e altre piccole variabili che amplificano l’evaporazione dell’acqua dandogli il GIUSTO peso (forcing) nell’algoritmo climatico.
Aargauer 2 mesi fa su tio
@Don Quijote Premio Nobel😂
Don Quijote 2 mesi fa su tio
@Aargauer Il premio Nobel no, ma neanche quello del boccalone o del ciarlatano!
MrBlack 2 mesi fa su tio
Ma hanno delle argomentazioni scientifiche che spiegano causa-effetto tra CO2 e questi eventi metereologici piu o meno estremi...o si sono inventati tutto di sana pianta? Mah... mi danno l'impressione di personaggi che urlano senza avere la minima idea di quello che stanno dicendo...
seo56 2 mesi fa su tio
E allora???!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
2 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
ZURIGO
3 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
3 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA
5 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
6 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
ZURIGO
7 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
9 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BASILEA
10 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile