Immobili
Veicoli
Tipress
SVIZZERA
16.07.21 - 10:140
Aggiornamento : 11:05

Dopo il maltempo, è crisi nera per i prodotti locali

L'approvvigionamento di ortaggi come carote, cipolle e sedano è in esaurimento nel nostro Paese.

E le conseguenze delle colture distrutte potrebbero farsi sentire anche a lungo termine.

BERNA - Pioggia, grandine e temporali. È una meteo ballerina quella che ha sperimentato il nostro Paese da inizio estate. E mentre si moltiplicano i danni materiali, l'Associazione dei produttori svizzeri di ortaggi lancia un avvertimento: l'approvvigionamento di verdure locali come carote, cipolle e sedano è a rischio. E anche zucchine, cavolfiori e lattuga potrebbero esaurirsi. Secondo l'Associazione, gli effetti del maltempo si faranno sentire ancora a lungo, probabilmente fino alla primavera del 2022.

La dipendenza dalle importazioni è in aumento - Da giugno, la Società svizzera di assicurazione contro la grandine ha ricevuto richieste di risarcimento per oltre 45 milioni di franchi. Questo valore, scrive la SRF, supera la quantità di danni normalmente registrati in un anno intero. Solo nelle ultime settimane, i circa 30mila assicurati hanno denunciato circa 8'000 sinistri. «È improbabile che la situazione migliori nelle prossime settimane, perché non si può riseminare con questo tempo», spiega Markus Waber, vicedirettore dell'Associazione svizzera dei produttori di ortaggi. Ciò significa che la Svizzera dovrà fare ancora più affidamento sulle importazioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
1 ora
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
1 ora
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
5 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
5 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
6 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
7 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
9 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
18 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
19 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile