Tipress
SVIZZERA
16.07.21 - 10:140
Aggiornamento : 11:05

Dopo il maltempo, è crisi nera per i prodotti locali

L'approvvigionamento di ortaggi come carote, cipolle e sedano è in esaurimento nel nostro Paese.

E le conseguenze delle colture distrutte potrebbero farsi sentire anche a lungo termine.

BERNA - Pioggia, grandine e temporali. È una meteo ballerina quella che ha sperimentato il nostro Paese da inizio estate. E mentre si moltiplicano i danni materiali, l'Associazione dei produttori svizzeri di ortaggi lancia un avvertimento: l'approvvigionamento di verdure locali come carote, cipolle e sedano è a rischio. E anche zucchine, cavolfiori e lattuga potrebbero esaurirsi. Secondo l'Associazione, gli effetti del maltempo si faranno sentire ancora a lungo, probabilmente fino alla primavera del 2022.

La dipendenza dalle importazioni è in aumento - Da giugno, la Società svizzera di assicurazione contro la grandine ha ricevuto richieste di risarcimento per oltre 45 milioni di franchi. Questo valore, scrive la SRF, supera la quantità di danni normalmente registrati in un anno intero. Solo nelle ultime settimane, i circa 30mila assicurati hanno denunciato circa 8'000 sinistri. «È improbabile che la situazione migliori nelle prossime settimane, perché non si può riseminare con questo tempo», spiega Markus Waber, vicedirettore dell'Associazione svizzera dei produttori di ortaggi. Ciò significa che la Svizzera dovrà fare ancora più affidamento sulle importazioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
1 ora
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
2 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
3 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A centinaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
4 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
5 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
5 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
6 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
8 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
10 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile