Keystone
SVIZZERA
07.07.21 - 10:210
Aggiornamento : 14:38

Una birra in cambio del vaccino, la Confederazione dice no

Berna non intende introdurre incentivi per rendere il preparato immunizzante più attrattivo agli occhi dei giovani.

E la presidente dei Giovani liberali-radicali di Zurigo ipotizza che un approccio di questo tipo potrebbe suscitare ancora più scetticismo.

BERNA - L'accesso alla funzionalità premium di Tinder, la possibilità di vincere un’automobile, una pinta di birra offerta. Sono solo alcuni degli incentivi offerti da alcuni Stati e Città estere per spingere i giovani a vaccinarsi. Lo stanno facendo, tra molti altri, il Governo americano, la Città di Mosca e lo Stato del New Jersey. E mentre la campagna vaccinale svizzera dà i primi segni di rallentamento, causa minore richiesta, e la diffusione della variante Delta tra i più giovani desta preoccupazione, le autorità federali rimangono ferme sulla loro posizione: non si intende introdurre incentivi mirati al vaccino. Ma le opinioni in materia divergono. 

Più vicini alle giovani generazioni - Secondo Julia Küng, co-presidente dei Giovani verdi, sentita dal portale Watson.ch, chiunque finora abbia esitato, non sarà convinto attraverso questo strumento. Ci sarebbe invece bisogno di una maggiore prossimità e di un’informazione più dinamica: «La vaccinazione deve essere dove sono i ragazzi. Nelle scuole o nelle università, e idealmente senza necessità di un appuntamento». Secondo Küng sarebbe inoltre utile creare canali Whatsapp o Telegram attraverso i quali giovani e meno giovani possano porre domande ed esporre dubbi relativi al vaccino a degli specialisti.

Uno strumento per i privati - Di diversa opinione Gioia Porlezza, presidente dei Giovani liberali-radicali di Zurigo, interpellata sempre da Watson.ch. «Dare dei premi vaccinali non è compito dello Stato», dichiara, ma «è un bene che privati come ristoranti o cinema possano richiedere un certificato Covid all’entrata. Questo crea già un forte incentivo a vaccinarsi». Secondo Porlezza ci sarebbe poi il rischio, in caso lo Stato mostrasse di voler forzare la vaccinazione, di creare ulteriori sospetti e scetticismi. 

Per ora niente regali - Il dibattito rimane aperto insomma, ma gli esperti della task force hanno sottolineato che al momento in Svizzera non sarà introdotta nessuna incentivazione in questo senso. E, secondo quanto detto da Linda Nartey, Vicepresidente dell’Associazione svizzera dei medici cantonali, questa strategia non rientra nemmeno nei piani dei Cantoni. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
9 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
12 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
13 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
13 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
15 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
15 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
ARGOVIA
16 ore
Esce di strada e scappa, 17enne riconsegna il patentino
Il giovane, in preda ai fumi dell'alcol, disponeva di una licenza per allievo conducente, ma non era accompagnato.
SVIZZERA
17 ore
«La Svizzera offrì 1,25 milioni per liberarci»
Daniela Widmer è tornata a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato.
FOTO
TURGOVIA
17 ore
Si tuffano nel Reno e non riemergono più
Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri sera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile