Deposit
SVIZZERA
06.07.21 - 20:020

Long Covid, dopo sette mesi il 40% dei pazienti ha ancora problemi

L'Ospedale universitario di Ginevra ha realizzato uno studio sulle problematiche persistenti legate al coronavirus.

Più di un paziente su tre presenta ancora sintomi a oltre sette mesi dall'infezione.

GINEVRA - Sette-nove mesi dopo aver contratto il Covid-19, il 39% dei pazienti ha ancora sintomi residui. È questo il risultato di uno studio effettuato in modo congiunto dall'Ospedale universitario di Ginevra (HUG) e dall'Università di Ginevra sulle conseguenze a medio-lungo termine della malattia. Le problematiche durature più comunemente osservate sono affaticamento persistente, disturbi neurologici, respiro affannoso, problemi cardiaci e disturbi psichiatrici.

La fatica, un sintomo comune - Lo studio si è concentrato su 410 pazienti che si sono consultati presso l'HUG tra il 18 marzo e il 15 maggio 2020. Sono state escluse le persone ricoverate in ospedale a seguito di gravi complicazioni. Nella “classifica” dei sintomi persistenti ci sono affaticamento (20,7%), perdita del gusto e dell'olfatto (16,8%), mancanza di respiro (11,7%) e mal di testa (10%). Tutti risultati, questi, paragonabili a quelli di altri studi internazionali simili.

Donne più esposte - L'incidenza di questi sintomi sembra essere maggiore nelle donne. Al contrario, tutte le fasce d'età sono colpite, compresi i giovani in buona salute. Sorprendentemente, invece, queste complicazioni variano nel tempo. Alcuni pazienti hanno ritrovato la normalità 30-45 giorni dopo l'inizio della malattia, per poi tornare sintomatici sette-nove mesi dopo l'infezione.

Intensità da leggera a moderata - I ricercatori hanno inoltre notano che l’intensità dei sintomi diminuisce nel tempo, ad eccezione del mal di testa. Sebbene la maggior parte dei partecipanti allo studio citi intensità da lieve a moderata per descrivere i sintomi, il direttore dello studio, il professor Idris Guessous, spiega che la forma lunga della malattia influisce sulla qualità della vita. «Le persone con un livello di salute ottimale prima dell'infezione chiaramente non sono più al loro meglio dopo la malattia. Questa sensazione di non essere al meglio della salute, sommata allo sconforto di fronte alla mancanza di progressi chiari, è particolarmente difficile da sopportare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 min
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
13 min
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
1 ora
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
1 ora
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
3 ore
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
3 ore
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
ZURIGO
5 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
5 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
5 ore
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile