Keystone
SVIZZERA
06.07.21 - 13:200
Aggiornamento : 14:22

Accordo quadro? «Non siamo sull'orlo del precipizio»

A poco più di un mese dalla fine delle discussioni, Livia Leu si dichiara comunque ottimista.

Secondo la segretaria di Stato il mancato accordo ha irritato Bruxelles e ci vorrà tempo per avviare nuovi negoziati: «Non abbiamo una scadenza. Bisogna preparare il terreno affinché siano presi in conto anche agli interessi della Svizzera».

BERNA - A poco più di un mese dall'abbandono dei negoziati sull'accordo quadro, le future relazioni tra la Svizzera e l'Unione europea sono ancora poco chiare e potrebbero rimanere tali per un po' di tempo. La segretaria di Stato Livia Leu è però ottimista.

La fine dei negoziati ha causato shock e, soprattutto, irritazione a Bruxelles. L'UE ha sempre dichiarato che non avrebbe firmato nuovi accordi di accesso al mercato o aggiornato quelli esistenti senza un accordo istituzionale. Per il momento, si attiene alla sua linea. Il riconoscimento reciproco per il materiale medico non è stato prorogato e la Svizzera è esclusa dal programma di ricerca Horizon Europe. Inoltre l'accordo per il settore dell'elettricità è bloccato.

Una situazione che sta causando preoccupazione da più parti. La segretaria di Stato Livia Leu ritiene invece che la reazione cauta dell'UE sia positiva. Bruxelles ha bisogno di tempo, e Berna può accettarlo. «Non siamo sull'orlo di un precipizio. Non abbiamo una scadenza. Abbiamo tempo».

A suo avviso non c'è bisogno di buttarsi a capofitto in nuovi negoziati. «Bisogna preparare il terreno affinché siano presi in conto anche agli interessi della Svizzera», ha aggiunto parlando con i media a Berna. La questione istituzionale rimane sul tavolo, ma deve essere considerata in un contesto più globale.

Sostegno austriaco - Il dialogo politico deve contribuire a questo obiettivo; nessuna misura concreta è stata finora delineata. La Svizzera sembra fare affidamento sui suoi vicini. «Alla fine, sarà il Consiglio europeo a decidere, non la Commissione europea», ha detto Livia Leu. Ognuno dei suoi membri dovrà difendere i propri interessi, in particolare quelli economici. Mentre l'Austria si è già pronunciata a favore di Berna, altre voci tardano.

L'Unione europea è il partner più importante della Svizzera, ma gli interessi sono reciproci, ha sottolineato la segretaria di Stato ricordando che più di un milione di europei vivono nella Confederazione e più di 300.000 frontalieri vi lavorano. I cittadini svizzeri nell'UE sono circa 500.000.

Dettagli in autunno - La soluzione di questa spinosa questione potrebbe richiedere ancora del tempo. Soprattutto perché la Svizzera non è il maggiore problema dell'UE, ha sottolineato Livia Leu. La Commissione europea ha annunciato che presenterà i dettagli delle future relazioni con Berna solo in autunno. Nel frattempo, la Svizzera sta esaminando le differenze tra i suoi regolamenti e quelli dell'UE. Deciderà poi come risolverli autonomamente, se è nel suo interesse.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CONFINE
18 min
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", o compilare un modulo
SVIZZERA
1 ora
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
1 ora
Un "Rendez-Vous" su Bundeslplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
15 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
18 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
19 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
20 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
21 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
21 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile