Keystone (archivio)
SVIZZERA
06.07.21 - 22:000

Asilanti presto forzati a «subire dei test Covid contro il loro volere»

Il rinvio dei richiedenti per i quali è stata decisa l'espulsione non sarebbe quasi mai possibile senza un tampone.

La proposta delle autorità federali è di trattenere fisicamente la persona per permettere lo svolgimento della procedura. Modalità che Amnesty International ritiene però «discriminatorie».

BERNA - Dall'inizio dell'anno, la Confederazione ha identificato circa 50 casi di richiedenti asilo che non hanno potuto essere espulsi dalla Svizzera perché si sono rifiutati di sottoporsi al test PCR nasale quando il loro Paese di destinazione lo richiede. Per rimediare, le autorità federali propongono un «emendamento urgente» alla legge sugli stranieri che consentirà loro di esercitare coercizione su chiunque debba essere espulso dal Paese.

«Tenere loro le mani» - Ma come si costringe un uomo o una donna a farsi fare un tampone nasale? Nei documenti inviati ai partecipanti alla consultazione, che si concluderà questa settimana, Berna ammette che «l'inserimento forzato di un oggetto nel naso deve essere considerato pericoloso per la salute». Sono invece contemplate «forme più lievi di costrizione fisica, come tenere le mani della persona per mantenerla calma e consentire l'esecuzione del test», di fatto immobilizzando con la forza la persona. 

Impossibile in caso di resistenza - Il Consiglio di Stato friburghese ha svelato la sua risposta alla consultazione: ritiene che ricorrere alla coercizione per effettuare questi test sia «illusorio se l'interessato intende perseverare nel suo rifiuto a tutti i costi, in particolare opponendosi fisicamente». Invece e per evitare l'impossibilità del licenziamento, il Consiglio di Stato vorrebbe offrire sistematicamente la vaccinazione a tutti i richiedenti all'arrivo in Svizzera. Il Consiglio di Stato bernese, dal canto suo, si è schierato dalla parte del Consiglio federale e ha ritenuto la proposta «necessaria e importante». Chiede, invece, che siano in ogni occasione richiesti due pareri medici al fine di confermare che l'esecuzione forzata del test non «metterà in pericolo la salute della persona».

Esagerato e discriminatorio - Per Amnesty International, la proposta, che scaturisce da un'osservazione fatta dopo solo una cinquantina di casi, «è sproporzionata», ha detto Nadia Boehlen, portavoce dell'organizzazione per i diritti umani. Amnesty comprende che la Confederazione debba trovare il modo per effettuare i rinvii, ma nutre «seri dubbi» sulla possibilità pratica e concreta di attuare questi test forzati. Inoltre, ci sarebbe anche un aspetto discriminatorio. I richiedenti asilo sarebbero infatti l'unica categoria della popolazione costretta a tamponi nasali forzati. Una posizione condivisa anche dall'Organizzazione svizzera d'aiuto ai rifugiati (OSAR). Secondo l'OSAR un test praticato con la forza può «presentare un rischio considerevole di ferite», e si dice fermamente contraria a questa costrizione che, se la persona si agita, «può rivelarsi violenta». 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
1 min
UDC in assemblea: tre "no" e una critica alle città di sinistra
Marco Chiesa ha poi scoccato più critiche al Consiglio federale, sulle restrizioni e sull'energia
ZURIGO
1 ora
Investito sulle strisce, non ce l'ha fatta
Un 77enne ha perso la vita in seguito alla collisione con una vettura
SAN GALLO
4 ore
Un gatto fa schiantare la Maserati
Sfortunato incidente questa notte nel canton San Gallo
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
14 ore
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
18 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
22 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
23 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
1 gior
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
1 gior
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
1 gior
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile